Come

Nome per il blog: ecco come sceglierlo senza impazzire

Condividi questo contenuto:

Ayrıca bakınız: Amante rivela alla moglie il tradimento del marito: è reato?

Come faccio a scegliere un nome per il mio blog? Questa domanda compare abbastanza spesso nelle email che ricevo, quindi ho deciso di rispondere in dettaglio con questo articolo e di aiutare tutti coloro che stanno impazzendo dietro il loro blog .

Okuma: Come scegliere il nome di un blog

Quindi ti parlerò dei quattro elementi essenziali di un buon nome per un blog e, soprattutto, ti mostrerò come inventare il tuo… in tre semplici passaggi!

Allora… se stai cercando il nome giusto per il tuo blog, allaccia le cinture e cominciamo.

Ah, dimenticavo… prima di buttarti nelle questioni operative, c’è una regola di base che devi sapere per assicurarti di fare un buon lavoro…

Che è vietato innamorarsi dei nomi dei blog (almeno all’inizio)

Sì sì, hai ragione. In questa fase del lavoro è vietato legarsi al nome del blog.

Quando si lavora alla creazione del proprio progetto è abbastanza comune che si tende ad attaccarsi alle proprie idee. E siccome so molto bene per esperienza come funziona, ti dico: non innamorarti delle tue idee.

Mantieni tutto staccato nel tuo lavoro e nel tuo design: ti aiuterà a scegliere il nome del tuo blog in modo più razionale. Avrai ancora tempo per abituarti al nome che hai scelto… ma il momento giusto non è mentre lo scegli, fidati!

Con quel tanto necessario chiarimento… iniziamo!

Quanto è importante un buon nome per il blog?

Beh, direi basta… anche se non ne ho fatto un accordo.

Se consideriamo che il nome di un blog spesso è anche il suo dominio (www.nomedelblog.com -Quando scegli un nome per il tuo blog, chiediti sempre se in qualche modo gli conferisce la giusta personalità e allo stesso tempo è facile da comprendere e pronunciare.

E questo punto inevitabilmente ci porta alla prossima “regola”.

# 3. Il nome del tuo blog dovrebbe essere facile da ricordare

Senza dubbio mai Il più facile è per te ricordare un nome, più utenti torneranno a trovarti…perché possono ricordare il nome del tuo blog.

Supponiamo che un nome sia meglio ricordato quando suona accattivante o quando può essere associato a qualcosa di significativo. Per questo motivo, personalmente all’inizio avevo dei dubbi sul nome del mio blog.

Nejua non sembra così facile da ricordare… ma alla fine ha funzionato benissimo!

In effetti, come detto, queste regole e funzionalità sono solo una linea guida e non devono necessariamente essere prese alla lettera per scegliere il nome del tuo blog. Cerca di tenerli a mente, ma non fidarti di loro con la tua creatività, giudizio o intuizione.

Sei il cuore del tuo progetto e… in quanto tale, le tue idee, la tua sensibilità e ciò che ritieni opportuno… probabilmente lo sarà!

# 4. Il nome del tuo blog dovrebbe essere breve

. Forse è meglio non dire troppo a lungo. Non voglio che le persone pensino a “brevi” solo come nomi di poche lettere.

Supponiamo che i nomi brevi come: Ikea, Wix, Nike, Goovi ecc. siano spesso ricordati meglio dei nomi più lunghi. Ma questo non significa che devi guadare per trovare il nome del secolo.

Significa solo che se intendi nominare il tuo blog www.ceraunavoltacenerentolanelbosco.com, potrebbe essere meglio attenersi a una soluzione leggermente più breve. Anche perché i tuoi indirizzi email sarebbero molto lunghi… tipo giada@ceraunavoltacenerentolanelbosco.com?

Bene. Supponiamo di aver visto le regole e la teoria di base. Direi che è ora di mettersi al lavoro e iniziare a cercare possibili idee di denominazione per il tuo blog.

Ayrıca bakınız: Tessuto non tessuto, come si usa – Idee Green

Quando sarai pronto, ti suggerirò come farlo…

Ecco come puoi farlo:

Anche qui, comincio col dirti che non esiste una bacchetta magica, ma posso comunque darti alcune informazioni che ritengo importanti. O meglio… alcuni indizi che potrebbero almeno aiutarti a raggruppare i tuoi pensieri e rendere la tua decisione più consapevole >

#1 Buona ricerca e solidità

Non è un caso che ti ho scritto di buono e sano > cercare. Diciamo che se la ricerca non è fatta bene, può produrre due effetti indesiderati: copiare o diventare depressi.

E direi che non ti servono entrambi!

Dovrai fare più di una ricerca attiva, carta e penna alla mano (se fai parte della squadra romantica come me) o con strumenti più tecnologici se preferisci… prendere più appunti possibile.

In questa ricerca, il tuo compito selezionerà da 5 a 10 blog che ritieni importanti per il tuo settore. Fatto ciò, ti consiglio di fare un giro, partendo dall’analizzare il suo nome e poi un po’ di tutto quello che puoi vedere.

Durante questa analisi, devi scrivere quante più riflessioni e pensieri possibili su ciò che ti piace e non ti piace e su cosa faresti diversamente.

Prova a metterti nei panni del potenziale cliente di questo blog e guardalo da quell’angolazione, se puoi.

Questo tipo di ricerca ti darà prima una visione più chiara di ciò che c’è là fuori del tuo settore… Ma ti darà anche un’idea di ciò che questi blog stanno trasmettendo. ..sia con il loro nome che più in generale con la loro comunicazione.

Ti consiglio di fare questa ricerca per tutti i blog che hai incluso nell’elenco dei blog importanti per il tuo settore.

E la prima cosa che posso consigliarti di fare è impostare un timer per questa ricerca. Quando si scava nelle profondità di Google, è spesso facile perdersi e finire per perdere molto tempo.

OK. Dopo averlo fatto… ecco il passaggio successivo:

# 2. Scarica le tue idee creando una sorta di mappa mentale

Dopo di te Una volta fatta la tua analisi e poi annotata una serie di riflessioni, guidati un po’ anche dalla tonalità che dovresti dare al tuo blog, è il momento di iniziare ad annotare le idee.

Prendi un foglio bianco, una penna nera e un evidenziatore e scrivi la parola o le parole che meglio rappresentano il tuo progetto. Quindi, per ogni parola che hai scritto, trova anche 4-5 dei termini correlati.

Non so se hai mai giocato a questo gioco da bambino in cui estraevi una lettera e il primo giocatore doveva dire una parola che iniziava con la stessa lettera. Poi, a loro volta, gli altri dovevano dire una parola legata a quella del giocatore precedente, a cominciare dalla lettera disegnata. Un po’ come: cane, cuccia, calore, coperta, ecc… solo per chiarire.

Comunque, oltre al gioco devi fare proprio questo: scrivi al centro del foglio la parola che meglio rappresenta il tuo progetto e poi inizia a collegarne altre, che ti vengono in mente in relazione a la stessa parola.

Il risultato di questo lavoro si chiama Mind Map.

Ad esempio, ho usato questo metodo quando stavo nominando il mio corso Blog Booster. La parola principale era Blog e da lì ho annotato un sacco di altri termini correlati e poi sono finito con Blog Booster (diciamo che questa è la breve spiegazione del processo).

Secondo me, è un processo rilassante e divertente. Sai da dove stai iniziando, ma non sai dove sarai dopo averci lavorato per un po’. Ed è proprio per questo che è divertente… ma anche molto efficace.

E mentre fai questo esperimento, puoi comunque trarre ispirazione. E, naturalmente, qui arriviamo al terzo passaggio:

# 3. Trova un buon nome per il tuo blog.

Un buon nome per il tuo blog può arrivare anche in un momento inaspettato… semplicemente perché vedi, ascolti o vivi qualcosa che ti ispira.

Ecco perché te lo dico: mentre cerchi il nome perfetto per il tuo blog, presta attenzione a ciò che fai, leggi o vivi.

Ad esempio, se a volte dovessi pensare a possibili nomi, inizierei a leggere le favole a mio figlio, prestando molta attenzione a ciò che stavo leggendo. I libri per bambini sono pieni di idee originali, non trovi?

Ayrıca bakınız: Colloquio con il capo: come affrontarlo, senza stress

Un’altra grande fonte di ispirazione possono essere i film o le riviste. Insomma… tutto può ispirarti: devi solo prestare attenzione a ciò che ti circonda!

La verità sulla ricerca di nomi per i blog…

Bene… come avrai intuito, trova un buon nome per il tuo blog blog non ha nulla a che fare con la scienza . In effetti, ha molto più a che fare con la creatività e l’ispirazione.

Non ci sono regole reali da seguire e non esiste un processo di denominazione per il tuo blog che possa davvero essere considerato tale. . Ogni argomento e blog può essere presentato in mille modi diversi e avere successo o meno in quanto dipende da molti fattori.

E lo stesso vale per il nome: probabilmente ci sono diversi bei nomi per il tuo blog… e sta a te non trovare quello migliore… ma quello che fa per te.

Certo, il nome del tuo blog ha bisogno della tua personalità, del buon senso e di un pizzico di originalità… ma qui… non c’è davvero molto altro da dire a riguardo.

Segui le semplicissime linee guida di cui sopra e vedrai che non ti allontanerai dalla retta via. Quando sei pronto… vai al passaggio successivo.

Verifica che il nome del blog che hai scelto sia gratuito.

Se hai passato qualche giorno a pensare a nomi diversi per il tuo blog, combinando parole e facendo mille prove, troverai sicuramente dei nomi che ti piaceranno… ma sicuramente lo è non sarà ancora il momento di innamorarsene.

Quello che devi fare una volta che hai una lista con alcune buone idee sui diversi nomi è controllare che il nome che ti piace di più… e quindi quel dominio, sia gratuito.

Per verificarlo, vai semplicemente su un sito Web che offre questo servizio, ad esempio: “drWhois .org ” o “ gratuito- domains.it “E la verifica è gratuita inserendo il nome che hai scelto nell’apposito campo per la verifica.

Ti consiglio anche di fare una semplice ricerca su Google, digitando il nome che hai adottato per il tuo blog Se trovi già qualcuno che l’ha preso … o ne ha preso uno molto simile che tratta lo stesso argomento di cui ti occupi … , probabilmente è meglio cambiare direzione.

Ecco ci sono molti nomi che possono funzionare… e spesso ci fermiamo su uno specifico quando le cose non sono così difficili e veloci… e basta provarne un altro nell’elenco.

p>

Ma se invece il dominio è libero, beh… ecco s e noi!

Se possibile, ti consiglio di scegliere l’estensione .com, .it o .net e di non superarla.

Ad esempio, se stai controllando se i file .com e .net sono già occupati prima di procedere… controlla con cosa hanno a che fare gli altri siti. Perché se scegli lo stesso dominio solo con un’estensione diversa, rischi di rimanere nell’ombra perché il tuo blog potrebbe essere confuso con gli altri due!

Ecco perché te l’ho detto all’inizio, non farlo innamorati delle tue idee: proprio per questo. Fino a quando non sei sicuro al 100% che il dominio che desideri sia gratuito, potrebbe essere necessario cambiarlo. Quindi… meno ci sei attaccato, più è probabile che tu lo digerisca.

Se trovi che il dominio è gratuito, registra il nome e il gioco è fatto!

Come hai capito…

Trovare un buon nome per il blog è un lavoro e purtroppo non esiste una ricetta già pronta. Diciamo piuttosto che è un lavoro che può basarsi sulle linee guida che abbiamo visto nell’articolo e che richiede molto da te e la tua creatività.

Qualsiasi metodo che possa aiutarti a trovare ispirazione è legittimo: chiedi ai tuoi amici, a tua madre, ai tuoi parenti, leggi libri, guarda film, insomma… cerca suggerimenti e ispirazione.

E ricorda, un buon nome è importante, ma non devi scervellarti per mesi per inventare “il nome del secolo” e ritardare il lancio del tuo blog.

Ci sono persone là fuori che aspettano di leggere i tuoi contenuti. Non farli aspettare!

Nejua

Condividi questo contenuto:

Ayrıca bakınız: Amante rivela alla moglie il tradimento del marito: è reato?

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button