Come

Bonus 100 euro: le regole 2022 – FISCOeTASSE.com

L’ultima legge di bilancio 2022 ha modificato ancora una volta il vecchio “Bonus-Renzi” (ufficialmente ridefinito trattamento aggiuntivo dal 2020) ovvero il credito d’imposta sul reddito per i dipendenti riconosciuto direttamente in la busta paga con un reddito inferiore ad una certa soglia dei datori di lavoro.

La novità si inserisce nella riforma fiscale complessiva, che prevede:

Okuma: Bonus renzi 2022: come si calcola

  • Nuove tariffe e scaglioni di Irpef
  • Abolizione e rivalutazione delle detrazioni e
  • Eliminazione dell’IRAP per alcuni soggetti

recepita dalla Legge di Bilancio 2022 n.a. 234 2021.

Nei paragrafi successivi vediamo l’evoluzione del provvedimento per lavoratori e pensionati e vediamo la normativa vigente, recentemente approvata dall’Agenzia con Circolare 4E del 18 febbraio 2022 dettata con esempi e specifici obblighi erano richiesti dal datore di lavoro per pagare gli stipendi e recuperare dal fisco.

1) Bonus Renzi e follow-up 2020/21

Il bonus Irpef 80 euro, detto anche “Bonus Renzi”, è stato momentaneamente sospeso dal governo Renzi con l’art.1 del D.L. n.66/2014 da maggio 2014 a dicembre 2014 per poi diventare “strutturale” grazie alla Legge di Stabilità 2015. Il premio consisteva in un credito Irpef riconosciuto dal datore di lavoro in busta paga ai dipendenti con un reddito complessivo non superiore a 26.000 euro.

Con la Legge di Bilancio 2020 il bonus è stato incrementato come “cura aggiuntiva” a 100 euro mensili e riservato ai redditi fino a 28.000 euro.

C’era anche un’altra misura per i redditi leggermente più alti chiamata “detrazione aggiuntiva”.

Era dovuto con importi differenziati con un massimo di 80 euro al mese per i redditi superiori a 28.000 euro e gradualmente ridotti a zero per le persone con reddito superiore alla soglia dei 40.000 euro. Questo regolamento sull’ulteriore detrazione dell’imposta a monte è stato abrogato.

L’agenzia ha avuto i chiarimenti con la Circolare del 14 dicembre 2020, n. 29/E.

2 ) Bonus trattamento aggiuntivo di 100 euro da gennaio 2022: Chi ne ha diritto

Previsto l’articolo 1, comma 3, dello Stato Patrimoniale 202 2 ha abbassato la soglia di reddito complessivo da 28.000 euro a 15.000 euro per evitare l’IRPEF -BONUS DI 100 euro da percepire dai percettori di reddito da lavoro dipendente e assimilati, con medesime modalità e requisiti di calcolo

In particolare sono riconosciuti ulteriori trattamenti:

  1. se il reddito complessivo supera i 15.000 euro ma non supera i 28.000 euro e
  2. se la somma è costituita da detrazioni determinate (per le spese familiari, per il reddito da come, per interessi passivi per mutui o mutui stipulati fino al 2021, per i quali sono fissate le Tariffe fino a 31 riqualificazione degli immobili superiore all’imposta lorda

L’importo del bonus, massimo 1.200 euro, corrisponde alla differenza tra la somma delle detrazioni e l’imposta lorda.

Nello specifico, per l’anno d’imposta 2022 devono essere prese in considerazione le seguenti detrazioni,

Ayrıca bakınız: Come fare il Balayage in Casa | DIVAIN

a) le detrazioni per spese familiari (art. 12 TUIR);

b) Detrazioni per dipendenti e assimilati (art. 13, comma 1 TUIR);

c) Detrazioni per interessi passivi su prestiti agricoli o mutui stipulati entro il 31 dicembre 2021 (articolo 15, comma 1, lettera a), TUIR)

d) Detrazioni per interessi spese su mutui contratti fino al 31 dicembre 2021 per l’acquisto o la costruzione dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale

e) detrazioni per spese sanitarie superiori a 15.493,71 euro contratte fino al 31 dicembre, 2021 dicembre 2021 e pagate a rate in pari giorno (art. 15, comma 1, lett. c), TUIR)

f) detrazioni per spese sostenute fino al 31.12.2021 per la ristrutturazione del parco immobiliare e la ristrutturazione energetica degli edifici

g) tutte le detrazioni previste da altra normativa per le spese sostenute e da rateizzare fino al 31/12/2021

ATTENZIONE Il l’imposta lorda deve essere corrisposta secondo le regole ordinarie da determinarsi e non solo sui dditi dell’ar dipendenti e simili

Verificare l'”inammissibilità” dell’imposta lorda in relazione alle detrazioni previste dall’articolo 1, comma 1, comma 2, del D.Lgs. 3 2020, in l’imposta lorda dell’anno d’imposta in corso (2022) al netto delle detrazioni.

3) Bonus 100 euro: adempimento da parte di ritenute e dipendenti

Il trattamento aggiuntivo, spiega l’agenzia, deve essere automaticamente riconosciuto da ritenute d’acconto, senza attendere la richiesta dei dipendenti, direttamente nelle buste paga da gennaio 2022 e verificando la relativa scadenza in sede di conguaglio.

I soggetti soggetti a ritenuta d’acconto devono determinare l’importo dovuto per il post-trattamento e il relativo importo sulla base dei dati a loro disposizione, più precisamente sulla base di:

  1. la previsione di reddito in riferimento all’anno in corso e
  2. alla “capacità” e “inabilità” come sopra descritte in relazione all’anno in corso sulla base delle detrazioni ad esso note (ex artt. 12 e 13, commi 1 e 1.1 del TUIR)

L’eventuale conguaglio finale deve essere effettuato nella dichiarazione dei redditi presentata dal dipendente

I dipendenti sono tenuti a hanno redditi da altri rapporti di lavoro intercorsi nell’anno di riferimento, Riferire a.

Ayrıca bakınız: Il Corsaro Nero: accesso e download dal nuovo indirizzo 2022

POSSIBILITA’ DI NON APPLICARE IL BONUS IRPEF

Il lavoratore dipendente può chiedere al rappresentante di rinunciare al pagamento del bonus IRPEF, ad esempio se ha altri redditi che concorrono a alla formazione del ricavo complessivo, possono ragionevolmente presumere che non abbiano diritto al trattamento aggiuntivo in questione;

In tal caso, il sostituto d’imposta può richiedere la restituzione del premio IRPEF già corrisposto nei periodi di paga successivi entro i termini per l’espletamento del bilancio annuale o per l’indennità di fine rapporto.

L’importo del trattamento aggiuntivo deve essere indicato nel Certificato Uniforme del Reddito di Lavoro e Assimilati (CU)

Il recupero del relativo importo, se eccede i 60 euro, deve essere effettuato in otto rate uguali

ATTENZIONE , in caso di cessazione del rapporto di lavoro , il sostituto d’imposta deve recuperare i benefici fiscali non dovuti in un’unica soluzione, indipendentemente dall’importo. In caso di carenze retributive, l’«importo non trattenuto al termine del periodo d’imposta per cessazione del rapporto di lavoro o per insufficienza retributiva deve essere comunicato all’interessato, il quale dovrà provvedere al pagamento entro il 15 dell’anno successivo».

Soggetti obbligati a detrarre il credito sorto dal pagamento del trattamento di follow-up, già con Circolare n. 29/E del 2020.

4) Irpef-Bonus 2022: esempi di calcolo

Questi gli esempi pratici di calcolo forniti dall’agenzia per applicare il nuovo bonus da 100 euro

ESEMPIO #1

Dipendenti a tempo indeterminato – 365 giorni Reddito : 14.000 euro Capacità rispetto alle detrazioni considerate: Detrazione lavoro dipendente = 1880 euro Imposte nette = 1340 euro Post-trattamento = 1200 euro

ESEMPIO #2

Contribuenti con:

  • contratto di lavoro a tempo indeterminato – 365 giorni. per un importo di 18.000 euro e
  • reddito agricolo di 7.000 euro

Totale reddito = 25.000 euro Detrazioni:

  • coniuge a carico,
  • Spese per interessi da pagare su finanziamento agricolo concluso il 10 giugno 2021
  • Spese sostenute nel 2021 per il recupero dei beni immobili ai sensi dell’articolo 16-bis del TUIR – seconda rata

Imponibilità del dipendente – Le detrazioni (tasse superiori alle detrazioni) sono considerate:

Imposta lorda sul reddito da lavoro dipendente = 3.970 €

Detrazione dovuta dal dipendente = 2.825 €,

l’imposta netta sul reddito di cui sopra è di € 1.145

Ayrıca bakınız: Mal di testa. 10 fattori scatenanti – ISSalute

Perdita fiscale lorda – le detrazioni (l’imposta lorda deve essere inferiore alle detrazioni) sono prese in considerazione perché • i Imposta lorda = 5720 € • Detrazioni per lavoro dipendente = 2.185 € • Detrazioni per spese familiari = 690 € Detrazioni per ratei interessi credito agricolo (1.500 x 19/100) = 760 euro; • rata detrazione risparmio seconda casa = 3.000 euro • Detrazioni totali 6.635 euro. Differenza tra imposta lorda e detrazioni pari a -915 euro Post trattamento = 915 euro Se la differenza tra imposta lorda e detrazioni fosse stata di 1.400 euro, il post trattamento sarebbe stato di 1.200 euro, il limite massimo.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button