Come

Cambiare le lire in euro, è ancora possibile? Cosa si può fare – Adnkronos.com

Può capitare di aprire un cassetto e trovare delle banconote in lire che non circolano da 20 anni. Quando si tratta di grandi somme, molti si chiedono: si possono ancora cambiare lire con euro? Non è una questione così semplice che la Corte Costituzionale e la Corte di Cassazione si sono dovute occupare in più occasioni, ricorda laleggepertutti.it. Perché la legge, che ha fatto scadere il periodo di modifica nel 2012, è stata dichiarata incostituzionale. Inoltre, è necessario fare i conti con le consuete regole di prescrizione che si applicano in quanto la lira è una moneta che non ha più corso legale e quindi non può più essere cambiata a vista: la Banca d’Italia e tutti gli Istituti creditori privati ​​possono rifiutare l’accettazione se la domanda è presentata oltre il termine di legge.

C’è chi ha intrapreso azioni legali contro la propria banca quando non voleva più cambiare lira con euro, o contro lo Stato per non aver concesso questa opzione. Una soluzione originale a uno di questi casi è arrivata con una nuova sentenza della Corte di Cassazione: la prescrizione può essere interrotta, e quindi il termine riprende a decorrere; Tuttavia, devi dimostrare di aver presentato una domanda di cambio in tempo utile prima della scadenza della prescrizione, quindi non oggi per la prima volta. Se ci riesci, hai ancora tempo per convertire in euro la lira che hai in mano.

Okuma: Come cambiare le vecchie lire in euro

Convertire lire in euro: cosa dice la legge a riguardo?

Ayrıca bakınız: Colloquio con il capo: come affrontarlo, senza stress

Con l’introduzione dell’euro la lira non ha più corso legale. La legge aveva fissato il 28 febbraio 2012 come termine ultimo per la conversione di banconote e monete denominate in lire in euro. Tale termine è stato tuttavia anticipato al 6 dicembre 2011 da un Decreto Legislativo emanato successivamente d’urgenza, con effetto immediato. In questo modo molti cittadini che tenevano ancora in mano lire sono stati “bruciati” facendo affidamento sul termine precedente e più inclusivo e impedito di cambiarli con euro.

Così, nel 2015, la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità della nuova norma nella parte in cui prevedeva la brusca anticipazione delle condizioni utili alla modifica. In attuazione della sentenza della Consulta, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha emanato nel 2016 un decreto che ha consentito il cambio di lire in euro per coloro che ne avessero fatto richiesta tra il 6 dicembre 2011 e il 28 febbraio 2012. .

Cambiare lire con euro

Ayrıca bakınız: Inviare Foto da WhatsApp a Email: Guida Definitiva

La Banca d’Italia dichiara sul proprio sito che è ancora possibile cambiare lire con euro a condizione che il richiedente dimostri di ha presentato la richiesta di scambio tra il 6 dicembre 2011 e il 28 febbraio 2012 (per chi l’ha presentata prima di allora, lo scambio è sempre consentito senza dubbio interpretativo). La richiesta di cambio deve essere comprovata da richiesta scritta e firmata presentata al proprio istituto di credito o direttamente alla Banca d’Italia, presso la sede o una sua filiale, anche tramite pec o email.

Chi non ha presentato questa domanda o non può provarla non può più ottenere il cambio di lire con euro. Queste regole si applicano solo in Italia, perché per gli altri paesi dell’Unione Europea che hanno adottato l’euro, ogni Stato ha stabilito autonomamente le proprie regole per limitare un eventuale termine per la possibilità di convertire in euro le valute nazionali utilizzate fino ad oggi ( marchi D, franchi francesi, pesetas spagnole, ecc.).

Cambio lire in euro: termini di prescrizione

La nuova sentenza della Corte di Cassazione, che prevedevamo in apertura di aver spiegato che il Si applica la regola generale della prescrizione decennale (sanzionata dall’art. 2946 del codice civile) per non perdere il diritto al cambio della lira con euro. Questo principio va però conciliato con la normativa speciale da noi esaminata: occorre cioè dimostrare di aver presentato alla banca un emendamento in tempo utile per far cessare il conteggio dei termini di prescrizione prima che i fatidici 10 anni fossero scaduti. /p>

Con questi criteri la Cassazione ha infine respinto la domanda di un cittadino che aveva chiesto il cambio di 110 milioni di lire. Gli Ermellini affermano che “la dichiarazione di incostituzionalità dell’abbreviazione del termine ha ravvivato il termine precedente”; Pertanto, la tesi della banca, secondo la quale occorreva provare che entro tale termine (28 febbraio 2012), ovvero l’originaria trasformazione della banca, entrata nuovamente in vigore dopo la sentenza della Corte Costituzionale, era ” le banconote correttamente giudicate sono state formalmente richieste”. Quindi nulla per chi ha chiesto il cambio da lire a euro per la prima volta dopo il 28 febbraio 2012.

Ayrıca bakınız: Linfoma di Hodgkin: sintomi, sopravvivenza, diagnosi, terapia

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button