Come

Come allungare i tempi dello sfratto

Sfratto: tutte le possibilità per reagire. Come guadagnare tempo per non essere buttato fuori di casa? Cosa fare in caso di mora?

Gli affittuari devono essere puntuali nel pagare l’affitto: il tuo mancato rispetto può effettivamente comportare lo sfratto, quindi rischio di essere un senzatetto. In genere, due mesi di stipendio non pagato sono sufficienti per giustificare uno sfratto per arretrati. A volte, però, l’inquilino semplicemente non arriva con i pagamenti richiesti dal proprietario: in questi casi lo sfratto sembra inevitabile, soprattutto se il padrone di casa è una persona irragionevole. In tali circostanze, è possibile prolungare il periodo di sfratto per trovare nel frattempo una nuova sistemazione? Se hai difficoltà a pagare l’affitto e pensi che questo argomento possa interessarti, ti invito a continuare a leggere: troverai sicuramente interessante quello che sto per raccontarti. Prenditi cinque minuti e mettiti comodo: insieme valuteremo come allungare il tempo di evacuazione.

Okuma: Come allungare i tempi dello sfratto

Come funziona un’evacuazione?

Prima di vedere come sia possibile prolungare il periodo di sfratto, vorrei spiegarvi brevemente qual è la procedura che consente al proprietario di un immobile di sfrattare l’inquilino. Lo sfratto arretrati è il rito che consente al padrone di casa di sfrattare l’inquilino se è in mora.

Si tratta di una procedura più rapida rispetto alla consueta, che consente di arrivare alla conferma dello sfratto in tempi relativamente brevi: per citare in giudizio qualcuno di solito bisogna concedergli almeno novanta giorni per mostrare Preparare la difesa nel caso di sfratto per arretrati Hai venti giorni. In pratica devono trascorrere non meno di venti giorni dal momento in cui viene sporta denuncia nei confronti dell’inquilino inadempiente alla data dell’udienza.

Un’altra particolarità della procedura di sfratto è che ciò potrebbe essere fatto in un’unica udienza finale: ciò si verifica se l’imputato non compare o non resiste alla sua apparizione. In questo caso, il giudice conferma immediatamente lo sfratto, che è esecutivo non prima di trenta giorni: ciò significa che puoi sfrattare l’inquilino solo un mese dopo l’udienza in cui è avvenuta la conferma.

Come posso oppormi allo sfratto?

Uno dei modi che ti consentirà di prolungare il periodo di sfratto è sicuramente quello di non ignorare l’avviso che il proprietario della casa ti ha inviato e all’udienza di partecipazione. Qui puoi opporti allo sfratto se ritieni che la pretesa del proprietario sia ingiusta, ad esempio perché hai pagato l’affitto anche se lui sostiene il contrario.

Appello contro lo sfratto: come funziona e cosa succede?

Per presentare ricorso contro l’ordinanza di sfratto, devi semplicemente andare avanti Andare in tribunale Udienza che l’avvocato del proprietario della casa ha dichiarato nell’atto di essere stato informato. Si tenga però presente che l’udienza potrebbe svolgersi anche in una data diversa (in ogni caso mai antecedente a quella indicata): si consiglia pertanto di verificare con l’ufficio del giudice in quale giorno si svolgerà effettivamente l’udienza.

In ogni caso, puoi opporti all’udienza di conferma dello sfratto; prima della tua richiesta:

  • se le eccezioni contrastanti non sono basate su prove scritte, il giudice, su richiesta del locatore, se non sussistono gravi motivi, a al contrario, emettere un ordine di scarcerazione insindacabile, fatte salve le eccezioni dell’imputato;
  • nel caso in cui l’eccezione sia basata su prove scritte, la dichiarazione non può essere pronunciata e comporta l’avvio di un giudizio epistemologico ordinario nelle forme del rito della locazione [1].

Ayrıca bakınız: Contrattura polpaccio: definizione, cause, cure, rimedi

In pratica si può opporsi allo sfratto, ma se ciò non è provato da idonea documentazione (es. dalla prova del pagamento delle tasse), i giudici si riservano il diritto di pronunciarsi sulle tue esenzioni e confermeranno comunque lo sfratto. Se invece la tua opposizione si basa su prove scritte, il giudice non può confermare lo sfratto e invece inizia un vero e proprio procedimento giudiziario.

Appello per sfratto tardivo: quando è valido?

La legge ti consente di opporti allo sfratto anche dopo l’udienza di conferma: ciò può avvenire solo se puoi provare di non essere a conoscenza della Procedura per un errore di notifica.

In altre parole, se non vieni a conoscenza dello sfratto fino a quando non ti viene notificato lo sfratto, puoi successivamente presentare opposizione (rivolto per iscritto al giudice competente) . ) che dimostra di non essere stato a conoscenza della notifica in tempo utile a causa di irregolarità nella notifica, causa imprevedibile o forza maggiore [2] .

L’opposizione non sospende automaticamente lo sgombero già in corso, a meno che i motivi addotti non siano particolarmente giustificati o sussistano altri gravi motivi: si pensi, ad esempio, allo sgombero in atto sulla base di un presunto sfratto sono stati confermati gli arretrati, che il inquilino può negare sulla base delle ricevute di pagamento in loro possesso.

Termine di pagamento: come richiederlo?

In caso di sfratto arretrato è possibile presentarsi all’udienza e invece di appellare i propri debiti e chiedere un termine entro il quale pagarli fuori essere in grado. In altre parole, un passo saggio nell’allungare il periodo di sfratto è non offrire inutili resistenze quando gli arretrati sono evidenti; piuttosto, puoi esprimere la tua disponibilità all’appagamento.

Quindi si possono fare le seguenti ipotesi:

  • l’inquilino inadempiente decide di pagare, per intero e direttamente in udienza , la sua colpa, compresi non solo gli arretrati, ma anche interessi, spese processuali e legali;
  • il inquilino inadempiente che intende pagare, ma non ha i soldi per farlo subito. In tal caso, il giudice può disporre un periodo di grazia non superiore a novanta giorni per l’adempimento, date le circostanze palesemente difficili dell’affittuario, e rinviare l’udienza a entro dieci giorni dalla scadenza del termine per l’esame del comportamento dell’inquilino;
  • il giudice può concedere al locatario un termine di centoventi giorni per liquidare gli arretrati qualora l’inadempimento non superi i due mesi, a causa della precabile situazione economica del locatario è dovuto a disoccupazione, malattia o handicap comprovato grave [3] .

Arretrati innocenti: come chiedere aiuto?

Ricorda, in caso di condizioni economiche precarie verificatesi al momento della sottoscrizione del contratto di locazione, al verificarsi di determinate condizioni puoi accedere ad un contributo speciale previsto dal Paese. Per saperne di più, consiglio di leggere l’articolo sugli sfratti innocenti per arretrati.

Sfratto: come resistere all’esecuzione?

Se il ricorso di cui sopra non ha portato al risultato sperato per prolungare il periodo di sfratto, devi solo sperare che l’avvocato del tuo avversario commetta un errore formale. Quando il giudice conferma lo sfratto, fissa un termine entro il quale deve essere eseguito. In altre parole, l’inquilino non deve uscire di casa subito dopo l’udienza: l’ordinanza di convalida lascia ancora del tempo per non ottemperare, ma per l’allontanamento spontaneo dell’inquilino inadempiente.

Ad esempio, se l’udienza di conferma dello sfratto è il 10 febbraio, è possibile che il giudice emetta un’ordinanza per procedere allo sfratto a partire dal 10 aprile. In caso di mancata comparizione in udienza, la parte intimidatoria deve comunicarti sia l’ordinanza che il requisito, d la data fissata dal giudice (nell’esempio il 10 aprile), prenderemo provvedimenti coercitivi contro di te. Fondamentalmente verrai sfrattato se necessario.

Ayrıca bakınız: Accoppiamento dei gatti: come avviene?

Se intendi prolungare il periodo di sfratto perché non sai dove andare o vuoi semplicemente infastidire il proprietario, allora potresti opporsi all’esecuzione se l’ingiunzione non è stata redatta correttamente dall’avvocato: ad esempio, se non è scritto che hai dieci giorni di tempo per ottemperare alla liberatoria spontaneamente.

Potresti anche opporti se non sei stato regolarmente informato dell’ordine di sfratto di conferma del giudice (se non hai partecipato all’udienza). Insomma, si possono sfruttare piccole imprecisioni formali per cercare di allungare i tempi di sfratto. Certo, ti consiglio di consultare un avvocato, perché i vizi degli atti sono cose abbastanza tecniche.

Sfratto: come si può ritardare l’esecuzione?

Nel caso in cui nessuna delle resistenze di cui sopra sia stata utile, è probabile che lo sfratto sia inevitabile. Tuttavia, la legge si applica ancora a te: nell’unico caso di sfratto per cessazione del contratto di locazione (cioè non per mora di pagamento) nei contratti di locazione per immobili residenziali, l’inquilino può chiedere una sola volta con un l’istanza indirizzata al giudice sentito in Data di esecuzione è ripristinata entro un termine di sei mesi. Il locatore e l’inquilino possono impugnare la decisione del giudice.

Il differimento del termine per l’esecuzione dello sfratto può essere richiesto fino a diciotto mesi nei casi in cui il conduttore abbia 65 anni, < ha cinque o più figli a carico, è iscritto a liste di mobilità, riceve indennità di disoccupazione o integrazione salariale, sia assegnatario formale di alloggi sociali o previdenziali o assicuratori, entrambi prenotanti di cooperative edilizie in costruzione o acquirente di alloggi in costruzione o proprietari di alloggi per i quali ha avviato un’azione di esenzione.

La stessa proroga del termine di esecuzione può essere prevista nei casi in cui l’inquilino o uno dei familiari che conviva con l’inquilino da almeno sei mesi sia inabile o malato terminale [4]

Come ritardare lo sfratto senza fare nulla

C’è un altro opzione , per ritardare lo sfratto . Cosa devi fare? Praticamente niente. Spiegherò. Prima dello sfratto, il padrone di casa deve consegnarti l’avviso di sfratto, in cui troverai l’udienza dichiarativa davanti al giudice. Se non ti presenti all’udienza, il locatore deve successivamente consegnarti l’avviso di sfratto, l’ingiunzione e infine l’avviso di sfratto, che è un avviso che indica il giorno e l’ora in cui l’ufficiale giudiziario si recherà l’abitazione per effettuare l’evacuazione.

Ebbene, se vuoi aumentare il tempo di sgombero, puoi comportarti in maniera ostruttiva; perché è? Semplice: non farsi mai trovare in casa o comunque non aprire la porta all’ufficiale giudiziario o al postino che vi consegnerà gli atti, oltre ad essere assente durante l’udienza di conferma.

Se nessuno apre Al momento della notifica, il notificante deve lasciare un avviso di scorta nella casella di posta e il mittente non sarà considerato completo fino a dieci giorni dopo tale notifica. In pratica, se non si apre mai la porta, si ritarda il completamento di tutte le notifiche, con il rischio per il locatore di non rispettare le norme di legge.

Ovviamente questa è una tattica sbagliata e così via, alla fine non evita lo sfratto: visto che non ti presenti all’udienza, il giudice non avrà problemi a confermare lo sfratto. Tuttavia, se non hai nulla da perdere e ti trovi in ​​una posizione insostenibile, il tuo completo disinteresse per il processo potrebbe farti guadagnare qualche giorno.

Ayrıca bakınız: Come arredare una parete vuota? Scopri i nostri consigli! | Casaarredostudio.it

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button