Come

Come verificare il funzionamento di un alternatore

Ogni auto utilizza l’elettricità immagazzinata nella batteria per avviare il motore. L’alternatore genera elettricità grazie al movimento del motore a cui è collegato tramite la cinghia trapezoidale. L’alternatore, oltre ad alimentare l’impianto elettrico del veicolo, ricarica la batteria. La tensione generata dall’alternatore viene regolata in base al consumo del veicolo.

Vedremo come funziona l’alternatore dell’auto, come verificarne il corretto funzionamento e quali sono i sintomi di un guasto dell’alternatore o di altri componenti che ne impediscono il corretto funzionamento. Vedremo anche quali sono gli strumenti necessari e quali sono le precauzioni di sicurezza.

Okuma: Come capire se l alternatore non funziona

Alternatore per auto, funzionamento

L’alternatore per auto è un elemento del sistema elettrico del veicolo che converte l’energia cinetica in energia elettrica. È azionato da una cinghia collegata al volano del motore e funziona solo a motore acceso. La funzione principale dell’alternatore per auto è quella di generare energia elettrica per il sistema di bordo e caricare la batteria.

L’alternatore è composto principalmente da due parti, una fissa (statore) e una mobile, il rotore. L’elettricità è generata, come in una dinamo, dalle variazioni del campo magnetico create dal movimento del rotore. La tensione CA generata viene convertita in tensione CC da un raddrizzatore. Infine, un regolatore adegua la tensione generata alle esigenze degli utenti.

Come controllare il funzionamento dell’alternatore

Per verificare se l’alternatore funziona, la batteria dell’auto deve essere sufficientemente carica per avviare il motore. Lo strumento ideale per questo controllo è un voltmetro, uno strumento in grado di misurare vari parametri elettrici come tensione, resistenza e corrente. Il parametro relativo all’alternatore è la tensione. Tutto ciò di cui hai bisogno è uno strumento semplice ed economico (disponibile per meno di $ 30) e un paio di guanti isolati da elettricista.

Ayrıca bakınız: Diventare docente nella scuola – Miur

Per prima cosa, fai un controllo della batteria a motore spento. Devi farlo aprire il cofano e collegare i cavi del voltmetro ai poli della batteria, cavo rosso al polo positivo, cavo nero al polo negativo. La soglia di avviamento del motore è 12,2 V. Se la tensione interna della batteria è inferiore, deve essere caricata esternamente o sostituita a fine vita.

Quando la batteria è carica, avviare il motore e farlo funzionare a 2000 giri/min, quindi l’alternatore dovrebbe produrre una tensione sufficiente per far scattare il regolatore e caricare la batteria. Ora, come prima, è necessario controllare la tensione della batteria, osservando attentamente tutte le parti mobili del motore. Il valore dovrebbe essere più alto, almeno 13 V, fluttuando fino a 14,5 V al variare della velocità del motore.

La stessa operazione può essere eseguita accendendo vari impianti elettrici (fari, radio, aria condizionata). Sempre a regimi motore di 2000 giri/min, l’alternatore funziona bene se è in grado di produrre almeno 13 V. Se la tensione non cambia o diminuisce con l’aumento del regime del motore o se la produzione è insufficiente all’accensione di altri sistemi, significa che l’alternatore ha un problema.

Guasto dell’alternatore, sintomi

Un malfunzionamento dell’alternatore può essere segnalato da alcuni sintomi indiretti. Il primo segnale è l’accensione della spia alternatore sul cruscotto. La spia dell’alternatore si accende per indicare che c’è un problema di carica che deve essere esaminato, oppure potrebbe lampeggiare indicando problemi di contatto. Se la spia dell’alternatore non si accende all’accensione del sistema di bordo, il problema può essere multiplo: la batteria è scarica, i cavi sono difettosi, oppure la spia stessa si è bruciata.

Sì, è difficile avviare il motore perché la batteria non è carica. Se l’alternatore non carica la batteria, può scaricarla molto rapidamente, anche se è nuovo. Un altro indicatore è la temperatura della batteria, che tende a surriscaldarsi in caso di sovraccarico. Una carica insufficiente della batteria può essere causata da una cinghia allentata, cavi difettosi o un regolatore difettoso.

Un alternatore difettoso non alimenta l’impianto elettrico del veicolo quando il motore è in funzione, quindi il consumo di energia è limitato. Accendendo più sistemi, l’intensità della luce cambia in base al regime del motore (maggiore sforzo sul motore, luce meno intensa). È più probabile che gli sbalzi di tensione dovuti a guasti del regolatore brucino le lampadine a incandescenza.

Problemi all’alternatore, cosa fare

Ayrıca bakınız: Come togliere le macchie di smalto dai vestiti? Come procedere?

Se l’alternatore non sembra funzionare, potrebbe non essere difettoso.Il problema potrebbe essere in un’altra parte del circuito, come il B. un fusibile bruciato, un contatto ossidato o allentato, potrebbe esserci un problema con un componente interno come il regolatore di tensione o i contatti.

R Il primo sopralluogo è proprio quello dei cavi e dei contatti per vedere se ci sono cavi rotti, contatti ossidati o collegamenti allentati. Per qualsiasi riparazione o sostituzione ricordarsi di scollegare sempre il polo negativo della batteria per evitare infortuni e per proteggere le mani con guanti isolanti.

Se il problema è la cinghia allentata, stringila di nuovo. Se il fusibile è rotto, è sufficiente sostituirlo. Lo stesso vale per la spia. Se il difetto proviene dal controller, solo questo componente può essere sostituito. Se il guasto interessa l’alternatore, può essere riparato o sostituito. Un nuovo alternatore può costare tra 50€ e un massimo di 300€. Il cambio costa circa 100 €.

Un ultimo consiglio: se fa molto freddo, è consigliabile accendere i fari per qualche minuto prima di avviare l’auto e poi spegnerli. In questo modo la batteria si riscalderà e sarà più probabile che riesca ad avviare il motore anche quando fa freddo. Questo semplice trucco può impedire che la batteria si esaurisca o che lo starter si esaurisca a causa di troppi avviamenti non riusciti.

Conclusione

Per controllare il funzionamento dell’alternatore sono necessari solo pochi strumenti, un voltmetro e guanti protettivi. Se il veicolo mostra segni di un’interruzione di carica della batteria o di un malfunzionamento dell’alternatore, è possibile eseguire un controllo. Se l’alternatore non funziona, la batteria può essere scaricata rapidamente, quindi è necessario un intervento immediato. Infine, proteggiti sempre le mani quando lavori sulla batteria, soprattutto quando controlli la tensione a motore acceso.

Ayrıca bakınız: Come fare un pacchetto regalo elegante e creativo

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button