Come

Come collegare il telefono alla TV senza cavi | Esquire

L’assioma ormai diffuso, secondo cui la quotidianità può essere semplificata solo con dispositivi top di gamma, non è (sempre) vero. Può bastare uno smartphone potente per trasformare la vecchia televisione di casa in una perfetta smart TV a cui perdersi nella serie Netflix davanti. Non solo, non richiede necessariamente connessioni complicate fatte di fili brutti da vedere e difficili da nascondere. Al contrario, saranno sufficienti strumenti semplici in grado di stabilire uno scambio di informazioni tra i due schermi. Vediamo quindi come collegare il telefono alla TV in modalità wireless, considerando due tecnologie universali e due invece specifiche per Android e Apple.

Metodi passepartout: Chromecast e DLNA

Quasi tutti i metodi per collegare il telefono alla TV in modalità wireless sono legati al sistema operativo utilizzato dallo smartphone. C’è però Passepartout e tra i tanti i migliori sono Chromecast e DLNA, anche se quest’ultimo è un po’ più complesso da installare. Cominciamo con il primo.

Okuma: Come collegare il telefono alla televisione

Chromecast

Ayrıca bakınız: Ermal Meta ft Giuliano Sangiorgi, Una cosa più grande testo

Chromecast è uno strumento sviluppato da Google che consente la trasmissione wireless di informazioni dai telefoni cellulari ai televisori. Più specificamente, è uno strumento molto facile da usare poiché è adatto a qualsiasi modello di TV dotato di un ingresso HDMI. Chromecast in realtà non è altro che una chiavetta con ingresso USB per l’alimentazione, e ci sono due modelli sul mercato: uno semplice per immagini buone, ma a risoluzione inferiore; un prodotto di punta che utilizza Google TV e può essere controllato tramite telecomando. Un altro vantaggio della tecnologia è che è già integrata in tutte le Smart TV Android.

L’installazione è molto semplice: una volta collegato alla rete e alla porta HDMI della TV, non devi far altro che caricare il Scarica l’applicazione Google Home e procedi alla configurazione del nuovo dispositivo seguendo le istruzioni a schermo che compaiono di volta in volta. Da quel momento sarà possibile giocare a Netflix, Prime Video e tutte le altre piattaforme di streaming on-demand lanciandole direttamente dallo smartphone.

DLNA

Digital Living Network Alliance consente questa comunicazione tra i suoi diversi dispositivi collegati alla stessa rete Wi-Fi: per farlo, però, è necessario che sul dispositivo sia installata un’applicazione controlla l’installazione, che gli permette di fungere da server, mentre tutti gli altri programmi a cui è possibile collegarsi devono presentare il server stesso.Una modalità leggermente più complessa, quindi adatta a chi è molto pratico di tecnologia. Tuttavia, una volta installato, DLNA funziona perfettamente.

Miracast se hai uno smartphone Android

Ayrıca bakınız: Dente del giudizio e dolore: perché viene e come contrastarlo – Centri Dentistici Primo

Un’alternativa speciale che si applica solo agli smartphone che utilizzano Android si chiama Miracast. La sua funzione principale è quella di creare un duplicato dello schermo del telefono o del tablet sulla TV. Tuttavia, la risoluzione massima raggiungibile è 1080p.

I vantaggi includono la possibilità di far comunicare tra loro due dispositivi senza fare affidamento su una connessione Internet fissa. Inoltre, è anche già presente praticamente in tutte le Smart TV di ultima generazione: se non lo trovi sotto il nome Miracast, puoi cercare digitando Screen Share, Screen Mirroring o Intel WiDi. Se non compare nemmeno in questo caso, è necessario acquistare un adattatore che si colleghi all’ingresso HDMI, simile a quello che abbiamo visto con Chromecast.

AirPlay per iPhone

Per qualsiasi altra esigenza collegabile ai propri smartphone, anche per collegare l’iPhone alla TV, Apple ha predisposto un sistema nativo e molto potente. È AirPlay e, come Chromecast, consente la duplicazione dello schermo semplicemente collegando l’Apple TV alla TV tramite la porta HDMI. Tuttavia, da tempo la tecnologia è applicabile anche alle smart TV sprovviste di decoder che ne hanno preceduto l’implementazione. in questo caso l’iPhone o l’iPad) devono essere collegati alla stessa linea. Se visiti il ​​sito ufficiale della casa madre statunitense, puoi scegliere tra due modelli di Apple TV: il primo è da 32 GB e supporta la risoluzione delle immagini Full HD; il secondo, invece, è un po’ più evoluto, raggiungendo i 64 GB e trasmettendo video in Ultra HD e 4K. La configurazione è un’azione davvero immediata: basta collegarlo, accenderlo e seguire le istruzioni sullo schermo. Tuttavia, una volta completata l’installazione, riproduci semplicemente il contenuto sul tuo smartphone e tocca l’icona AirPlay per vederlo duplicato sulla TV.

Ayrıca bakınız: Ma come fa il Paris Saint-Germain? – Il Post

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button