Come

Rimedi per eliminare le cicatrici da acne: laser, creme ed altro

Introduzione

Le cicatrici da acne o post-acne sono lesioni cutanee permanenti che possono essere

  • depresse (cicatrici atrofiche)
  • o capovolte (cicatrici ipertrofiche o cheloidi).

Poiché spesso si trovano sul viso, possono compromettere gravemente la qualità di vita del paziente, soprattutto quando sono grandi e sfiguranti. Tuttavia, oggi sono possibili vari trattamenti di medicina estetica per ridurre le cicatrici da acne.

Okuma: Come eliminare i buchi sul viso

Causa e fattori di rischio

Le cicatrici si verificano a seguito di forme gravi di acne, ad esempio papulopustolosa e nodulare, e sono favoriti da abrasioni meccaniche causate dal paziente da

  • graffi,
  • schiacciamento violento
  • o manipolazione

di lesioni acneiche, che quindi non dovrebbero mai essere traumatizzate.

Classificazione delle cicatrici da acne

Ayrıca bakınız: Come togliere i graffi dal Parquet e averlo come nuovo – BAUTRUST

Le cicatrici da acne si dividono in

  • atrofiche,
  • ipertrofiche
  • e cheloide.

Le cicatrici atrofiche appaiono più comunemente come rientranze sulla pelle e possono essere di forma ovale, quadrata o triangolare.

Le cicatrici ipertrofiche sono protuberanze della pelle che interessano solo la sede della precedente lesione acneica (es. un nodulo).

Le cicatrici cheloidi, invece, si estendono oltre il confine della precedente lesione acneica.

Tutte queste cicatrici possono essere dello stesso colore della pelle o

  • arrossate (eritematose),
  • iperpigmentate (di colore marrone)
  • o ipopigmentato (bianco sporco).

Diagnosi

Ayrıca bakınız: Come usare il latte di mandorla: ricette golose e consigli utili | Galbani

La diagnosi di cicatrici da acne si basa su un esame clinico e su una storia di una precedente forma grave di acne.

Complicanze

Le cicatrici da acne non sono lesioni cutanee “attive” o potenzialmente evolutive, quindi rappresentano un problema estetico piuttosto che medico e, poiché di solito compaiono sul viso, possono avere un impatto significativo sulla vita sociale del paziente.

Rimedio e guarigione

Ci sono diverse opzioni terapeutiche disponibili per le cicatrici da acne.

  • Microneedling: letteralmente “iniezione di microneedle “, chiamato anche collagene percutaneo di induzione o terapia di induzione del collagene, è un approccio indicato per le cicatrici atrofiche, nonché per il ringiovanimento della pelle e l’alopecia androgenetica. Il collagene è una delle sostanze proteiche più importanti della pelle, nella quale svolge funzioni plastiche e strutturali ed è responsabile del turgore e dell’elasticità (insieme alle fibre elastiche). Il microneedling consiste nell’inserimento nella pelle di minuscoli aghi che, creando piccole ferite nell’epidermide (lo strato più superficiale della pelle) e nel derma (lo strato appena sotto l’epidermide), innesca l’attivazione di una serie di fattori di crescita che portano alla proliferazione e rigenerazione dei tessuti; Il rimodellamento della pelle da parte del collagene può richiedere diversi mesi. Il microneedling si pratica con un dispositivo a rulli dotato di aghi molto piccoli che possono penetrare nella pelle al massimo 1 o 2 millimetri. Il paziente di solito avverte un lieve dolore e gli effetti collaterali includono lieve e transitorio eritema (arrossamento) ed edema (gonfiore).
  • Microneedling con plasma ricco di piastrine (PRP): studi recenti hanno dimostrato che l’aggiunta di PRP al microneedling ne aumenta l’efficacia. Il PRP è un concentrato piastrinico ottenuto elaborando un campione di sangue periferico e contiene fattori di crescita come il fattore di crescita dell’endotelio vascolare (VEGF), il fattore di crescita derivato dalle piastrine (PDGF) e il fattore di crescita trasformante (TGF). Questi fattori di crescita stimolano la sintesi di proteine ​​e collagene e accelerano la guarigione delle ferite.
  • Laser: sono disponibili vari tipi di laser per il trattamento delle cicatrici da acne, sia ipertrofiche che atrofiche. Il laser più comunemente usato è il laser CO2. Prove recenti suggeriscono che il trattamento laser CO2 combinato con PRP è più efficace nell’aumentare la produzione di collagene e fibre elastiche rispetto al solo trattamento laser CO2.
  • Peeling chimici: i peeling migliorano l’aspetto delle cicatrici distruggendo gli strati cutanei dell’epidermide o/o del derma, inducendo un intenso peeling cutaneo, con conseguente ringiovanimento e rimodellamento della pelle.I peeling superficiali sono quelli che penetrano alla giunzione dermo-epidermica (il punto di confine tra epidermide e derma); possono contenere resorcina, tretinoina, acido glicolico, acido lattico, acido salicilico o acido tricloroacetico in concentrazioni dal 10 al 35%. I peeling di media profondità raggiungono invece la parte superficiale del derma e contengono fenolo, acido tricloroacetico al 35-50% e soluzione di Jessner (resorcina, acido lattico, acido salicilico in etanolo) seguiti da acido tricloroacetico al 35%. I peeling più leggeri sotto forma di crema o lozione, disponibili come automedicazione, vengono solitamente utilizzati solo nelle forme più delicate o come approccio nutriente o specialistico in attesa.
  • Filler
  • strong > >: I filler dermici o sottocutanei sono sostanze utilizzate come “agenti di carica” ​​per aumentare il volume delle aree cutanee con cicatrici infossate e stimolare la produzione naturale di tessuto cutaneo. Vari materiali possono fungere da riempitivi: tessuto adiposo autologo (cioè prelevato da un paziente e iniettato nello stesso paziente in una parte diversa del corpo), tessuto adiposo bovino, derivati ​​del collagene umano; acido ialuronico; Microsfere di polimetilmetacrilato con collagene. I filler più moderni sono formulati con l’aggiunta di lidocaina (un anestetico locale) per alleviare il dolore causato dall’iniezione del materiale nella pelle. Filler a base di acido ialuronico correggono la cicatrice in modo naturale, poiché l’acido ialuronico è un componente normale della pelle, che le conferisce elasticità e mantenimento della forma. Poiché l’acido ialuronico è naturalmente presente nel tessuto cutaneo, ha quindi solo limitate possibilità di innescare una risposta immunitaria e quindi un effetto collaterale. Per lo stesso motivo, il trasferimento di grasso autologo è anche uno dei filler più utilizzati al momento: la sua sicurezza deriva dal fatto che, essendo materiale prelevato da un paziente e iniettato nuovamente nello stesso paziente, c’è il rischio di un’allergia manca la reazione.

Prevenzione

Per prevenire la formazione di cicatrici da acne è necessario ricorrere al trattamento specifico che la condizione richiede e alle terapie “fai da te”.

È assolutamente sconsigliato graffiare, manipolare o traumatizzare in alcun modo le lesioni dell’acne, poiché tutte queste azioni, che irritano ulteriormente un tessuto già infiammato, favoriscono la formazione di cicatrici.

Ayrıca bakınız: Come copiare un programma da pc a chiavetta usb

p>

Fonti e riferimenti

  • Soliman YS, Horowitz R, Hashim PW, et al Acne Scar Treatment Update Cutis 2018 102:21 25 47 48 Zaleski-Larsen LA Fabi SG McGraw T Taylor M Trattamento per cicatrici da acne: un approccio multimodale su misura per il tipo di cicatrice Dermatol- Surg 2016;42 Appendice 2:S139-49.doi:10.1097/DSS.0000000000000746.
  • Saurat J, Grosshans E, Laugier P, Lachapelle J Dermatologia e malattie sessualmente trasmissibili edizione italiana di Girolomoni G. e Giannetti A. Terza edizione 2006. Masson

A cura del Dott.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button