Come

Maglia ai ferri: guida completa e facile

Se sei un ” lavoratore a maglia ” esperto, segui questa guida per lavorare a maglia e sarai sicuramente ispirato a creare nuovi punti. Se sei un principiante, sei puoi prendere appunti per iniziare il tuo hobby.

Okuma: Come iniziare un maglione ai ferri

Strumenti per lavorare a maglia Lavorare a maglia

In realtà non hai bisogno di molti strumenti per lavorare a maglia. Sicuramente devi lavorare a maglia Paia di aghi che puoi acquistare facilmente nelle mercerie. Non tutti i ferri sono uguali, ce ne sono di sottili e di meno sottili, ma ognuno è contrassegnato da un numero. La scelta dipende dal lavoro che fai stanno facendo e comunque è meglio chiedere consiglio al negoziante.

Ricordati di acquistare almeno betw Per acquistare un paio di ferri Lavorare a maglia, come un maglione , cucirne il bordo con un paio di ferri di mezza misura più grandi (es. B. con 3 ferri e ½) e poi continuare il resto del lavoro trasferire tutte le maglie sul paio di ferri più piccolo (es. ago n° 3). Puoi anche usare i ferri misura 4 per il bordo e poi passare al 3 e mezzo. Insomma la scelta è abbastanza libera, ma almeno queste note particolari vanno rispettate /rev-ebde10b/wp-content/uploads/2007/11/knitting-knitting.jpg “alt=”Knitted knit”/>

Ovviamente, per far funzionare il tuo lavoro a maglia, avrai bisogno anche delle matasse di lana (o di altro materiale di filato. Le troverai in commercio piuttosto che in merceria. Se sei un principiante, lo farei vi consiglio di iniziare con l’acquisto dei “rottami” -Palline per iniziare, quindi con un costo relativamente contenuto: attualmente sono disponibili anche al modico prezzo di un euro.

Per realizzare un capo (si tratta su un maglione come modello e taglia standard) te ne serviranno di più come 6 matassine (ma ricorda che di solito non guardi al conteggio delle palline ma al loro peso, quindi il consiglio del negoziante è davvero molto utile anche in questo caso) e un Ago in lana e un Metro a nastro per misurare.

Punti base della maglia

I due punti base più importanti quando si lavora a diritto sono il punto diritto e il punto rovescio . Per il primo devi passare l’ago destro sopra la punta superiore del ferro sinistro mentre fai l’esatto contrario per ottenere il punto rovescio. Ma vediamo insieme gli altri punti, per quanto semplici possano essere, adatti ai principianti o per chi vuole lavorare velocemente, senza annidare o senza scalare i punti.

  • Chicco di riso Beautiful Point per creare maglie non solo per gli adulti, ma anche e soprattutto per i più piccoli. Il lavoro assomiglierà a tanti piccoli chicchi di riso. Vediamo come si ottiene. Devi alternare un punto diritto e uno a rovescio alternativamente nella prima riga e fare il contrario nella seconda riga (se c’è un punto a rovescio nella prima riga, lavorare la seconda riga a diritto).
  • punto legaccio È uno dei punti classici per lavorare a maglia, consigliato alle principianti perché la difficoltà è davvero zero. Infatti la maglia legaccio si ottiene lavorando sia il 1° ferro che il 2° ferro a punto diritto. Il lavoro svolto è davvero molto bello.
  • Costi Buono anche il risultato in termini di costi in punti. Di facile realizzazione, la costa si ottiene con un numero pari di maglie (e quindi divisibile per 2). Entrambi i ferri vengono lavorati a diritto facendo una maglia diritto e una maglia ferma senza doverli alternare sul rovescio dei ferri.
  • maglia rasata Anche la maglia a maglia rasata è una delle le creazioni più semplici per lavorare a maglia con i ferri. Questo punto si ottiene alternando un punto diritto e un punto rovescio. L’unica precauzione riguarda l’esecuzione dei primi due “giri”: il primo è a maglia dritta, il secondo a rovescio.

Passaggi di base per lavorare a maglia Lavorare a maglia

Quelle che abbiamo visto finora sono le maglie principali per lavorare a maglia: da esse derivano i punti più elaborati In questa sezione ti proponiamo tante idee per trarre ispirazione dai punti per il tuo lavoro (o perché no, copia!) Per rendere più facile la tua scelta, li divideremo in punti facili, punti di difficoltà media e punti difficili E prima ancora nell’elenco lungo indichiamo anche i punti base con le relative spiegazioni per il procedimento che sarà utile per la realizzazione dei punti più complessi.

  • Una volta lanciato il punto, eseguirlo avvolgendo infilare intorno all’ago destro una volta.
  • Lancio doppio Il punto doppiato viene eseguito avvolgendo il filo attorno all’ago destro due volte.
  • Sovrapposizione singola Questo tipo di punto h Passando un punto senza lavorarlo a diritto, lavorare normalmente il punto successivo e incrociare il fondo su quello appena lavorato.
  • Doppia sovrapposizione Questa è la variante della sovrapposizione singola, eseguita allo stesso modo, ma incrociando due maglie invece di una senza lavorarle.
  • Maglia doppia Questa maglia si ottiene lavorando come una maglia normale, ma sul ferro sotto.
  • Maglia intermedia o maglia intermedia Si deve lavorare una maglia nel filo di collegamento tra due maglie .
  • Aumenti di maglia E’ necessario lavorare una maglia a diritto, poi, senza farla cadere dal ferro, lavorarla una seconda volta a diritto ritorto abbassare il ferro ed estrarre un’asola, lavorarne una a diritto, accavallare quella estratta maglia sopra quella destra .
  • Lavorare due maglie incrociate: Si ottiene andando dietro la prima maglia e lavorando la seconda maglia a diritto senza farla cadere dal ferro, poi lavorando la prima maglia a diritto e facendo scorrere le maglie da ferro insieme lasciare o.
  • Due maglie incrociate a sinistra Questa maglia si realizza passando davanti alla prima maglia e lavorando la seconda maglia senza farla cadere dall’uncinetto, la prima maglia si lavora e si lascia scivolare le maglie dall’uncinetto
  • Lavorare tre maglie incrociate (o tre rovesci dietro o tre incrociate dietro) Si posizionano le varianti ottenute passando una maglia su un ferro ausiliario posto davanti al lavoro, lavorare le due maglie successive, poi la maglia sui ferri ausiliari.
  • Fai tre maglie incrociate (o tre torsioni davanti) Questo è l’esatto opposto del punto precedente. Questo viene fatto passando due maglie su un ferro ausiliario posizionato sul davanti del lavoro, lavorando la maglia successiva, quindi posizionando la maglia trattenuta sul ferro dietro il lavoro e lavorando le due maglie successive, quindi aspettando le maglie.
  • Cinque cravatte a destra o cinque torsioni Questa maglia si ottiene facendo passare due maglie su un fermamaglie dietro il lavoro e lavorando tre maglie a diritto e poi lavorando a rovescio le maglie in attesa.
  • Cinque cravatte a sinistra o cinque torsioni sul davanti, si ottengono facendo passare tre maglie su un ferro ausiliario posto davanti al lavoro e lavorando due maglie a rovescio e poi lavorando le maglie in attesa.
  • Incrocio tre maglie Questo è ottenuto lavorando prima la terza maglia, poi la seconda e la prima, e facendo cadere tutte e tre insieme dal ferro.
  • Quattro trecce rovesciate Si ottengono lavorando due maglie sul ferro guida che sarà posizionato a diritto dietro, l lavoro le due maglie successive ritorte, poi le maglie in attesa ritorte.
  • Quattro legature davanti ritorte Saranno esattamente uguali Si ottiene come al punto precedente, ma riportando la maglia su un ferro posto davanti al lavoro.

Esempi di punti

  • Tunnel Come per la punta delle coste, la punta del tunnel è realizzata esclusivamente lavorando un numero pari di collegamenti . È uno dei punti fondamentali, anche se presenta delle difficoltà minime poiché è un punto composito. Devi contare e tenere traccia del numero di aghi con cui stai lavorando. Infatti i primi quattro ferri devono essere tutti lavorati a maglia rasata; Nel quinto ferro bisogna fare attenzione, unendo due maglie insieme al punto diritto e un gettato (che dà vita al buco). Il ferro successivo, cioè il 6°, viene lavorato a rovescio con tutte le maglie (compreso il gettato). Dal settimo giro è necessario ripetere la sequenza di punti del giro 5 e del giro 6
  • treccia punto base ma come il precedente si tratta di un punto composto e quindi con un minimo di difficoltà. Innanzitutto il numero di maglie su cui si può fare il punto treccia deve essere un multiplo di otto, altrimenti non funzionerà.Lavorare i primi 4 ferri facendo prima 4 maglie rovescio e poi 4 maglie dritte. Il 5° ferro è un po’ più complicato, lì devi lavorare 4 maglie a rovescio e poi devi prendere in prestito un ferro di riserva e metterci il primo paio di maglie, lavorare il paio successivo di punti silenziosi nel 3° ferro. Dalla 6° riga bisogna ricominciare, cioè considerare la spiegazione dalla seconda riga.

TECNICHE PER LAVORARE CON GLI AGHI

Oltre agli attrezzi, il punti base e operazioni base per lavorare a maglia bisogna tenere presente che esistono anche diverse tecniche che permettono di lavorare allo stesso modo maglioni, sciarpe o cappelli.

Le tecniche più utilizzate sono:

# MAGLIA 1: AGO DRITTO

Il metodo classico consiste nel lavorare a maglia con ferri dritti . Il lavoro viene eseguito da seduti e le tecniche sono suddivise in due metodi: inglese e continentale.

Il metodo inglese: Si esegue tenendo il filo con la mano destra e poi mettendolo sull’ago destro per formare il punto.

Il metodo continentale: prevede di tenere il filo con la mano sinistra e di formare un nuovo punto con l’aiuto delle dita.

#KNITTING 2 : AGHI CIRCOLARI

Altrimenti, puoi scegliere di utilizzare ferri circolari , con i quali puoi anche lavorare qualsiasi capo.

Gli aghi circolari funzionano particolarmente bene per maglie larghe e gli esperti dicono che è un metodo molto più veloce rispetto all’utilizzo di ferri dritti.

MAGLIA #3: LE MANI

La tecnica nota anche come: lavorare a maglia con le braccia consiste nel lavorare a maglia con le braccia e le mani.

Il procedimento è lo stesso che si usa con gli aghi, tranne per il fatto che si usano le braccia delle magliette al posto di queste ultime.

In rete ci sono molti che sostengono che imparare questa tecnica sia adatta a chi già usa il lavoro a maglia e ha dimestichezza con l’uso dei ferri sia molto facile.

MAGLIA #4: TELAIO

Una delle tecniche più semplici e adatte ai principianti, è quella di utilizzare un telaio speciale che ti permetterà di avvolgere la lana intorno ai perni.

La tecnica, particolarmente adatta per insegnare ai bambini l’arte del lavorare a maglia, presenta alcune limitazioni, ad esempio le distanze tra le spille sono standard, ma è un metodo interessante da imparare perché permette di creare, in poche lezioni, le prime sciarpe e T-shirt in maglia

CON AGHI LAVORAZIONE A MAGLIA

Come lavorare un maglione, una t-shirt lavorata a maglia, una sciarpa o una coperta? Lavorare a maglia, come abbiamo visto, è un passatempo piacevole, ma richiede abilità, pratica ed esperienza.

Una volta acquisite tutte le conoscenze, puoi Creare maglieria Lavoro a maglia :

#1 ACQUISTA MATERIALE

Ayrıca bakınız: Come baciare bene un uomo e farlo impazzire subito

Il materiale più adatto per lavorare a maglia è la lana. Questo si caratterizza infatti per essere molto morbido, elastico e facile da lavorare. In commercio puoi trovare gomitoli interi a prezzi convenienti: bastano pochi euro per prendere confidenza con i metodi di lavorazione a maglia più classici.

Particolare attenzione va posta nella scelta dello spessore della lana che è non troppo fine dovrebbe essere ancora troppo grasso. Il nostro consiglio è di andare in merceria e chiedere al proprietario di consigliare il calibro giusto per iniziare a lavorare a maglia.

Un argomento simile vale per ferri e uncinetti, che almeno per i principianti non dovrebbe avere un calibro maggiore di 4-5 mm.

# 2 SEGUI ISTRUZIONI SPECIFICHE E VIDEO TUTORIAL

In rete ci sono numerosi video che danno preziosi consigli e spiegazioni, ti guideranno e in breve tempo saprai dove ti trovi per iniziare: un maglione di lana, un cappello e tutti gli oggetti essenziali per la maglieria.

La nascita crescente di videocorsi creati per ogni argomento non poteva certo non includere spiegazioni su come lavorare i ferri. Ancora una volta, basta fare una piccola ricerca e potrai trovare corsi gratuiti ea pagamento che ti daranno tutto ciò che ti serve per imparare questo antico metodo di lavorazione.

E perché non comprare un libro sul lavoro a maglia? Lavorare a maglia è un lavoro che potrebbe essere un momento utile della giornata per allontanarsi dai dispositivi elettronici. Pertanto, l’idea di acquistare un libro ti aiuterà nel tuo obiettivo.

Un libro non ha nulla a che vedere con un videocorso, non può certo essere interattivo, ma ha immagini e descrizioni precise, schemi e spiegazioni e tutorial che ti porteranno in breve tempo ad un vero maestro.

#3 SCEGLI CHE TIPO DI MAGLIA

Vuoi sapere come fare un maglione di lana, da dove comincio a fare una calda sciarpa lavorata a maglia ? Una volta acquistato il materiale, studiato un video tutorial o un libro, non devi far altro che metterti al lavoro! Il lavoro a maglia può essere molto semplice, ma anche estremamente complesso. Se prosegui nella lettura ti verranno dati alcuni consigli utili che chiariranno sicuramente la tua idea sul mondo del lavoro a maglia.

COME REALIZZARE UN MAGLIA IN MAGLIA

Uno dei più classici capi di abbigliamento, è possibile lavorare a maglia maglioni e magliette a maglia. Un maglione di lana è un tipico capo invernale, un’ottima idea regalo che si apprezza ancora di più quando è realizzato a mano.

Come lavorare un maglione

Fare un maglione, ammettiamolo, potrebbe non essere il lavoro migliore per un principiante che potrebbe avere un po’ di difficoltà.

Per te inizia a lavorare a maglia Esigenze:

  • 500 g di lana di medio spessore di buona qualità;
  • Aghi speciali e un paio di ferri per lavorare la lana.

I gomitoli di lana devono essere di misura 5. Assicurati che l’etichetta mostri questo numero. La scelta del colore è a tua discrezione, iniziare con un solo colore è la scelta migliore se sei un principiante.

È importante anche preparare un modello di maglia. Disegna su un pezzo di carta come vuoi realizzare il colletto, le maniche e da quale parte fare il davanti e il dietro.

Il modello classico di maglia è composto da due rettangoli. Le due facce rappresentano il fronte e il retro a cui verranno aggiunte le maniche. Ovviamente la taglia dipende dalla persona che indosserà il maglione. Per avere un’idea, è necessario misurare la circonferenza del torace e aggiungere 4-5 cm.

Gli esperti consigliano di iniziare la lavorazione del maglione dal basso, ricordando che l’ultima parte di un maglione è costituita da un nastro, cioè una zona più stretta che dona al Capo un adattarsi meglio.

La scelta delle maglie base può essere a maglia legaccio o rasata, puoi trovare una spiegazione di come farlo tornando in questo articolo: maglie base lavorate.

Ti consigliamo di seguire attentamente ogni passaggio e di assicurarti di non saltare neanche un passaggio. Perdere due punti significa che il maglione finito avrà dei buchi evidenti, quindi è necessaria la massima attenzione!

Una volta arrivati ​​alle spalle, puoi realizzare la scollatura, che deve essere abbastanza ampia da permettere il passaggio

Non resta che la parte centrale della maglia collegata alle maniche . Questi ultimi dovrebbero essere più larghi all’altezza delle spalle, poiché si contraggono gradualmente man mano che si avvicinano alle mani.

La fase di assemblaggio dei componenti avviene con un ago da lana che va attaccato all’interno della maglia.

A questo punto il maglione di lana è completo.

COME REALIZZARE UNA SCIARPA IN MAGLIA

Fare una sciarpa in maglia si riferisce a una tradizione secolare. Le sciarpe fatte a mano sono sempre un regalo, oppure sono facili da realizzare e di sicuro effetto. Optimized/rev-ebde10b/wp-content/uploads/2007/11/scar_ai_ferri-1-600×400.jpg “alt=”Come lavorare una sciarpa”/>

A differenza di un maglione crea un sciarpa di lana è un lavoro a maglia più facile, ma anche in questo caso ti consigliamo di seguire i tutorial dedicati.

Ayrıca bakınız: Ranch Valentino Rossi Tavullia | Come arrivare | Tracciato | Gare

Per realizzare il lavoro sopra, assicurati innanzitutto di avere tutto , quello che ti serve:

  • 300 g di lana, che può essere monocolore o bicolore
  • ferri speciali con uno spessore di 6,5 mm
  • ago;
  • Forbici.

La sciarpa di lana si può realizzare: sia con il punto diritto che con il chicco di riso.

Per realizzare la sciarpa, che dovrebbe essere lunga tra 120 e 160 cm, devi prima fare un campione sulla zona prescelta, che deve essere di circa 10 x 10 cm, per capire la tensione.

Le procedure possono variare. Uno di questi è iniziare 16 maglie con un colore creando una prima fascia.

La dissolvenza successiva può essere effettuata cambiando i colori o continuando con il colore precedente.

Quindi il procedimento consiste nel fare una fascia alla volta e poi unirle insieme, facendo attenzione a rifinire i bordi.

Realizzare una sciarpa in maglia per uomo, donna o bambino segue un gusto molto personale. In generale si può dire che questo dovrebbe essere composto da 24 membri. Scegliere un solo colore rende il lavoro più facile perché non devi contare le righe.

E’ utile anche ricordarsi di lavorare le maglie all’indietro rispetto alla loro posizione sul ferro.

P >

COME FARE UN CAPPELLO CON GLI AGHI

Nel lavoro a maglia ci si può divertire con tante realizzazioni, una di queste è il cappello di lana > , un altro utile capo invernale.

Se sei ancora un principiante a lavorare a maglia, provare a fare un cappello potrebbe essere una buona scelta.

Ecco cosa ti serve:

  • 100 grammi di lana;
  • Due paia di aghi, misura 4.5 e 5.5;
  • 1 ago per la lavorazione della lana;
  • Forbici.

Un caldo cappello invernale può essere monocolore o bicolore, e può avere un bel bobble oppure no.

Prima, ha senso misurare la circonferenza della testa in modo che il cappello si adatti perfettamente.

Se si tratta di un regalo, in generale, la circonferenza media di un adulto è di circa 60 cm.

Rispetto ad altre preparazioni, la lana da utilizzare non è molta, come detto bastano 100 g.

Come perdersi?

Tra le varie tecniche e tutorial consigliati sul web, un metodo consiste nel realizzare 60 maglie con il ferro da 4,5 mm e iniziare a lavorare il cappello dalla coste Inizio lungo i bordi (2 e 2).

Poi continuiamo con il resto del cappello, passando dal ferro 4,5 al 5,5. In questo caso è necessario lavorare allo stesso modo sia sul lato destro che su quello sinistro.

Realizzare un cappello di lana, così come un maglione, una t-shirt o una sciarpa , è un processo che segue diverse tecniche di preparazione che dipendono dall’esperienza e dal risultato che si vuole ottenere.

Siti web sulla maglieria

Abchobby – http://www.abchobby.it/ Un sito ricco di hobby femminili con numerosi esempi di maglieria e lavoro a maglia .

La scatola dei segreti – http: // www . lascatoladeisegreti.it / jersey.htm Utili illustrazioni che spiegano come iniziare a lavorare a maglia con l’aiuto dei ferri.

Sottocoperta – http://www.sottocoperta.net / children / books / knitting.asp Una serie di consigli per l’acquisto di libri e prove di lavoro a maglia per bambini

Volare su Lierna – http: // www.icsbellano.org/ Giornale online di una ria prima scuola dove in questa sezione spiega come lavorare a maglia.

Istruzioni su come lavorare un maglione

Di seguito vi propongo uno dei più utili e semplici per realizzare un maglione molto facilmente!

Ayrıca bakınız: Come TRATTARE un UOMO che ti ha USATA | Ecco 3 Modi per Vendicarsi

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button