Come

Naso Chiuso nei Bambini durante la Notte | Schwabe Italia

Il naso chiuso è uno dei sintomi caratteristici del raffreddore, una malattia virale che può manifestarsi tutto l’anno ma è più comune nel periodo dall’autunno all’inverno. Infatti da settembre la temperatura scende, le escursioni termiche tra ambienti interni ed esterni sono maggiori e i virus ne approfittano per moltiplicarsi.

Il freddo si trasmette attraverso l’aria. forte> da persona a persona attraverso le goccioline emesse quando starnutisci, tossisci o semplicemente parli. Il processo di infezione di solito dura alcuni giorni e non comporta rischi particolari per le persone colpite, a condizione che non vi siano complicazioni.

Okuma: Come liberare il naso ai neonati

I sintomi della il raffreddore comune si sviluppa rapidamente dall’inizio dei sintomi. Lo scolo nasale, che è acquoso e copioso per i primi giorni, diventa poi mucoso, denso e purulento.

Naso freddo e chiuso nei bambini di notte

Il raffreddore è un problema molto comune e fastidioso, soprattutto per i bambini. In media nei bambini piccoli, si possono verificare da sei a dieci episodi all’anno. L’incidenza tende a diminuire con l’età, ma richiede un’attenzione particolare in questa fascia di età per evitare complicazioni.

Per molti, la notte è un periodo particolarmente critico in cui la Sensazione di >naso chiuso e le mucose sono spesso peggiorate. È fondamentale sia per il bambino che per i genitori.

Ayrıca bakınız: Come fare il formaggio pecorino in casa – Bindi Enzo Pienza

L’impossibilità di respirare bene provoca una grave irritabilità ed evidenti difficoltà nel bambino che non riesce a riposare come dovrebbe .

Si tratta piuttosto di una causa di veglia e di conseguenza di mancanza di riposo per l’adulto il cui sonno è interrotto dal richiamo del bambino o dalla necessità di tenere sotto controllo il proprio piccolo durante le ore delicate della notte.

In caso di congestione nasale, congestione nasale e difficoltà respiratorie, è necessario un intervento per eliminare le mucose nasali dalla presenza di muco. Ciò è particolarmente vero per i bambini piccoli che non possono soffiarsi il naso. La stagnazione del muco potrebbe effettivamente portare a complicazioni. L’infiammazione potrebbe diffondersi anche ai seni paranasali, alle orecchie, alla gola e persino ai bronchi.

Come si libera un naso chiuso? Alcuni consigli pratici

  • Umidificare l’area . L’umidità nell’aria può aiutare a mantenere fluido il muco e lenire il rivestimento nasale infiammato.
  • Rimani idratato bevendo molti liquidi. Aiuta ad assottigliare la consistenza del muco e ne favorisce l’eliminazione.
  • Tieni la testa alta appoggiandola sui cuscini, soprattutto di notte. Questa posizione è utile per evitare che il muco ricada lungo la gola
  • Usa aspiratore nasale. Soprattutto nei bambini molto piccoli, sono strumenti utili per rimuovere il muco residuo
  • Eseguire irrigazione nasale con soluzioni saline per mantenere pulite le vie nasali ed evitare il ristagno di muco

Bambini con il raffreddore: rimedi naturali per alleviare e proteggere

Anche con il raffreddore possiamo fare affidamento su rimedi naturali che non solo aiutano a lavare i forami, ma sono in grado di formare un film protettivo sulle mucose , alleviare gli arrossamenti causati dai continui soffi e calmare alcuni comuni complicanze del raffreddore come croste, sfregamenti e irritazioni della mucosa nasale.

L’azione protettiva di una barriera meccanica può rappresentare un approccio affidabile, in grado di creare un film barriera che protegge la mucosa dal contatto con quelle esterne influssi. Una sostanza come l’acido ialuronico butirrato, una forma speciale dell’acido ialuronico innovativo e brevettato, ha una maggiore persistenza nella mucosa nasale. Consente inoltre il prolungamento dell’azione protettiva e lenitiva di tutte le altre sostanze presenti in congiunzione. Il Gel di Aloe ottenuto da una succulenta della famiglia dei gigli, ad esempio, contiene un gran numero di principi attivi. Tra questi ci sono i polisaccaridi, che hanno effetti anestetici, riparatori e antinfiammatori.

Ayrıca bakınız: Come rimuovere le macchie dalla biancheria intima

L’uso della camomilla è ben noto, in varie situazioni, soprattutto per lenire i bambini e aiutarli ad addormentarsi. Oppure per alleviare i crampi addominali dovuti a dissenteria o enterite.

Forse meno noto, ma scientificamente provato, è il suo utilizzo sulla pelle. Grazie al suo effetto antiprurito, effetto lenitivo e cicatrizzante, è ampiamente utilizzato nelle preparazioni topiche per il trattamento della pelle e delle mucose infiammate e screpolate.

Se poi, all’acido ialuronico butirrato, aloe e camomilla, associamo anche un’acqua termale salsobromoiodica, in grado di aumentare l’idratazione e la fluidità del muco e di favorirne l’eliminazione, possiamo liberiamo e proteggiamo il naso in un solo gesto!

E per curare i raffreddori…

Come abbiamo visto, il comune raffreddore potrebbe essere il primo campanello d’allarme dell’insorgenza di raffreddori rappresentano malattie di origine virale. Pertanto, sarebbe ragionevole intervenire sulle cause prima che l’infezione si diffonda, con l’ausilio di agenti fitoterapici somministrati per via orale.

Il Pelargonium sidoides è una varietà medicinale di geranio sudafricana con proprietà eccezionali, le cui radici sono utilizzate per produrre l’estratto brevettato EPs® 7630 il suo utilizzo per trattare la cause del comune raffreddore . Pertanto, il suo utilizzo potrebbe essere indicato fin dai primi starnuti o dai primi sintomi di tosse e mal di gola, sempre su consiglio del pediatra.

Leggi anche Cosa provoca il catarro nei bambini

Ayrıca bakınız: Si può aumentare il seno in modo naturale? | OK Salute

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button