Come

Meningite nei bambini: come riconoscere i sintomi e prevenirla

Lo specialista ci racconta questa grave patologia nei bambini: dai sintomi per riconoscerli, a come comportarsi a contatto con una persona malata e come prevenirla.

La meningite è una malattia molto spaventosa perché nei casi più gravi può essere anche fatale. E tra i più a rischio ci sono i bambini. Il professor Angelo Colombo, coordinatore dell’area madre-bambino del Policlinico San Pietro (dove è possibile sottoporsi a vaccinazione), ci parla di meningite nei bambini e spiega:

  • quali sono i sintomi per riconoscerlo
  • cosa fare se si entra in contatto con una persona infetta
  • come funzionano le vaccinazioni contro la meningite , l’unica efficace arma di prevenzione oggi disponibile.

L’allarme a Bergamo

Si è parlato molto di meningite ultimamente, vista anche la relativa notizia cinque persone nel bergamasco.

Okuma: Come riconoscere la meningite nei bambini

Ma quali sono i sintomi che fanno sospettare una meningite? Perché i bambini sono più a rischio? E quali vaccinazioni contro la meningite ci sono oggi?

Meningite meningococcica: che cos’è?

La meningite meningococcica è una grave malattia caratterizzata dall’infezione delle meningi, le membrane che rivestono il cervello e il midollo spinale.

È causato da un batterio, Neisseria meningitidis, noto anche come meningococchi, di cui esistono diversi sierotipi.

Tuttavia, solo 6 sono responsabili della malattia meningococcica invasiva: A, B, C, W, X e Y.

I sierotipi più circolanti in Italia e in Europa sono B e C, mentre i sierotipi A, W e X sono diffusi in Africa e in Asia, e anche B, C e Y negli USA.

Come si manifesta l’infezione e chi colpisce

La trasmissione di il batterio meningococcico si disperde nell’aria attraverso le secrezioni respiratorie e le goccioline salivari.

Richiede quindi uno stretto contatto con la persona malata e quindi più diffuso all’interno di comunità come asili nido, scuole, caserme, discoteche.

Ayrıca bakınız: Come attaccare le lucine al muro esterno senza chiodi

Il batterio non può sopravvivere nell’ambiente o in cibi, bevande o oggetti.

È colpito a qualsiasi età, ma la prevalenza è maggiore sotto i 5 anni di età (in particolare nei bambini di età inferiore ai 2 anni), negli adolescenti e nei giovani adulti.

Ogni anno in Italia si verificano oltre 900 casi di meningite batterica, un terzo dei quali è causato da meningococchi.

Quali sono le conseguenze

È una malattia molto grave a rapido sviluppo, a volte fulminante.

Sebbene una diagnosi precoce e un trattamento appropriato possano portare alla guarigione, sfortunatamente il 10-15% dei bambini colpiti muore.

Se sopravvive, può avere conseguenze molto gravi, come:

  • disabilità intellettiva
  • deficit neurologici
  • Sordità .

Sintomi di meningite nei bambini

La malattia ha un periodo di incubazione di 2-10 giorni e i pazienti devono essere considerati contagiosi fino a 24 ore dopo l’inizio della terapia antibiotica.

I sintomi possono variare a seconda dell’età, tra i sintomi principali deve senz’altro segnalare la presenza di:

  • febbre alta
  • malessere generale
  • Mal di testa
  • Vomito
  • Rigidità del collo
  • Convulsioni e alterazioni della coscienza.

Ulteriori campanelli d’allarme, in particolare nei bambini di età inferiore a un anno, possono includere:

  • piagnucolare pianto
  • difficoltà a nutrirsi
  • aspetto sofferente
  • fontanella anteriore convessa.

La comparsa di petecchie (piccole macchie rosse sulla pelle) o porpora (macchie rosso-bluastre sulla pelle di varie dimensioni) sono segni di un danno generale molto grave.

Cosa fare se sei stato in contatto con qualcuno che ha la meningite

Ayrıca bakınız: Riproduzione delle tartarughe terrestri: tutto ciò che c&039è da sapere

Se sei stato in contatto con un paziente, il primo passo è informare immediatamente il medico, che lo farà darti una profilassi antibiotica adeguata all’età e indipendente dall’età è dettata dallo stato di immunizzazione del soggetto (cioè, anche se vaccinato).

Vaccini contro la meningite: tipologie e portata

I vaccini sono l’unica arma efficace di prevenzione contro la meningite batterica e i meningococchi

Attualmente sono disponibili 3 tipi di vaccini:

  • il vaccino contro la meningite di tipo C
  • il vaccino contro la meningite di tipo B
  • il vaccino tetravalente contro i sierotipi A, C, W, Y

Il vaccino contro me Ningococco C , offerto gratuitamente dal Sistema Sanitario Regionale (S.S.R.), viene somministrato a tutti i bambini di età compresa tra i 13 e i 15 mesi, es comunque , è possibile anticiparlo nei soggetti a più alto rischio.

Il vaccino meningococcico B, disponibile in Italia dal 2014 e offerto gratuitamente anche dal sistema sanitario regionale, può essere somministrato dal secondo trimestre di vita, le dosi variano a seconda per età in cui è stata iniziata la somministrazione.

Gli effetti collaterali dei vaccini

Gli effetti collaterali più comuni dopo la somministrazione del vaccino sono: arrossamento, gonfiore e dolore al sito di iniezione, 1 -Stop per 2 giorni.

Le reazioni sistemiche di solito regrediscono dopo 2-3 giorni e includono:

  • febbre
  • irritabilità
  • sonnolenza
  • Malessere generale.

Possono verificarsi reazioni allergiche di vario grado fino, seppur molto raro, a shock anafilattico, che si manifesta entro i primi minuti dalla vaccinazione e può essere adeguatamente trattato medicamente.L’intervento è rapido.

Si consiglia pertanto di attendere 15-20 minuti prima di lasciare la struttura dove è stata effettuata la vaccinazione.

Ayrıca bakınız: Linfoma di Hodgkin: sintomi, sopravvivenza, diagnosi, terapia

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button