Come

Come rivestire un camino in cartongesso? (e perché scegliere questo materiale)

Nelle prossime righe non vi racconterò solo come rivestire un caminetto in cartongesso. Potete trovare ottime istruzioni fai da te su Internet: non sarà l’ennesima.

Sono più a cuore rispondere a domande molto comuni su questo lavoro.

Okuma: Come rivestire un camino fai da te

Riguardano solitamente la validità del materiale e la corretta esecuzione dell’intervento.

Devi aver pensato anche a questo.

C’è di più.

Ti darò alcuni suggerimenti su trovare un professionista per portare a termine il lavoro.

Cominciamo dall’inizio.

Come rivestire un camino in cartongesso: 4 motivi per scegliere questo materiale

Il dubbio più comune sul cartongesso riguarda la sua efficacia >

A maggior ragione in questo caso.

Ricorda che copre un camino che funziona a temperature molto elevate.

Perché dovresti scegliere l cartongesso?

Ci sono almeno 4 buone ragioni per questo.

#1: Il cartongesso è ignifugo

Il gesso ha una naturale resistenza al fuoco.

Non solo.

Speciali pannelli refrattari

vengono utilizzati per rivestimenti di caminetti e caminetti. Gesso combinato con altri materiali (come vermiculite, fibra di vetro e perlite).

Come li riconosci?

Hanno un colore rosa sul lato visibile.

ATTENZIONE ⚠️ Queste foglie non sono sempre di colore rosa. Dipende dal produttore.

#2: Lavorazione semplice

Quindi non ci sono limiti alla creatività.

Uno dei 10 motivi quindi ADORO questa roba.

Puoi creare forme quadrate o curve con infiniti colori ed effetto finale (liscio o ruvido al tatto).

Lasciare altri materiali non prendersi queste libertà in quanto sono meno lavorabili.

Pensate alla pietra o al mattone pieno.

Richiedono una lavorazione più lenta e spesso è anche impossibile realizzare il progetto che immagina.

#3: Velocità di esecuzione

Ayrıca bakınız: Coltivare il rosmarino in vaso – aromatiche sul balcone

È un materiale “conveniente”, perché venduto in lastre di dimensioni standard.

Pronto per l’uso.

L’artigiano si occuperà di tagliarli secondo il progetto, quindi riempirli e rifinirli.

Nessuna procedura lunga.

Con dei semplici disegni bastano pochi giorni di lavoro.

#4: Rimozione rapida

Può accadere un imprevisto.

Supponiamo che il caminetto abbia smesso di funzionare a causa di un bug.

Rimuovere la struttura in cartongesso (o una sezione) è un’operazione noiosa ma abbastanza veloce.

Una volta risolto il problema, puoi ricoprire il camino.

Distruggere un edificio in pietra o mattoni è molto più faticoso (e anche più costoso).

Come rivestire un camino in cartongesso: le fasi di un lavoro

Scomparso il primo dubbio: il materiale vale in oro. p>

Ora vedi il lavoro di un amico stuccatore.

Si chiama Enzo Mattei e lavora nel livornese.

L’intervento si articola in fasi.

Ma prima le cose.

Ecco il camino prima del rivestimento (perché in realtà è una stufa):

Disegnato da un architetto.

Fase #1: Isolamento Termico

Come dicevamo, un caminetto funziona a temperature molto elevate.

Per questo motivo, alcune parti Isolare con materiali idonei allo scopo. Di solito si usa lana di vetro o di roccia.

In questo caso è importante che il cablaggio elettrico sia sufficientemente isolato in modo che non ci sia contatto con la stufa.

Fase #2: Assemblaggio della struttura

Per isolare l’assieme segue la struttura metallica

In effetti è una struttura portante composta da:

◼︎ Guide perimetrali in lamiera zincata (“U”); ◼︎ Palo in lamiera zincata (“C”);

Io chiamo questa fase “taglio e cucito” perché l’artigiano taglia e assembla i pezzi per creare il disegno di progetto.

Fase #3: Assemblaggio dei pannelli

Siamo a buon punto

I pannelli refrattari vengono applicati alla struttura portante.

Ayrıca bakınız: Chieti nell&039Enciclopedia Treccani

Il montaggio avviene con viti e tasselli.

Normalmente utilizziamo i tasselli in metallo: le parti in plastica potrebbero cedere a causa del calore.

Fase n. 4: Stuccatura

Una volta assemblata la struttura, si procede alla stuccatura delle fughe dei pannelli.

Prima della stuccatura viene applicata una speciale rete autoadesiva (o garza) per evitare che le cuciture siano visibili.

La stuccatura finale si effettua con uno speciale stucco ignifugo (sono necessarie almeno 2 o 3 mani per renderlo liscio e pronto per lo sbiancamento).

Fase #5: Sbiancamento

Ecco come si presentava il termocamino imbiancato:

Cosa ne pensi?!

Il i proprietari hanno infatti optato per un design minimal abbinato ad un colore bianco: resta il fatto che si possono utilizzare altre tonalità.

A chi rivolgersi per la copertura di una canna fumaria in cartongesso?

Ricapitoliamo: Hai visto i vantaggi del materiale e come viene realizzato un rivestimento.

Hai solo bisogno della persona strong> a chi affidi i lavori.

>

Sì, ma come li trovi?

Trovare il cartongesso perfetto non è impossibile.

Primo punto: consulta un professionista. p>

Molti artigiani nel loro “tempo libero” si rivolgono al cartongesso e lo lasciano in pace.

Spesso saltano da un luogo di lavoro all’altro senza prestare attenzione ai dettagli. Un’abitudine che potrebbe causare problemi.

L’esempio tipico? La stuccatura avviene in fretta.

Vuoi ridurre i rischi?

◼︎ conoscere lo stuccatore (sito web e pagina Facebook); ◼︎ solo accordi scritti; ◼︎ evitare gli artigiani;

Punto due: non contattare i siti che inviano offerte commerciali.

Come rivestire un camino in cartongesso: le conclusioni

Prima di salutarti, voglio darti un ultimo consiglio.

Non sottovalutare l’intervento.

Prendersi tempo e attenzione quando si cerca un professionista: questo è fondamentale per la buona riuscita del lavoro.

Se hai domande, sentiti libero di scrivere il tuo commento di seguito.

Una cosa prima di salutare: Restiamo in contatto!

Iscriviti al mio canale YouTube (il più grande in Italia dedicato all’interior design). ristrutturazione e arredamento).

A presto! Lorenzo

Ayrıca bakınız: I cinesi in Italia fanno i soldi. Perché noi no? – Millionaire

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button