Come

Coltivare il rosmarino in vaso – aromatiche sul balcone

Rosemary in a pot Il Il rosmarino (Rosmarinus officinalis) è una pianta aromatica perenne appartenente alla famiglia della menta, si sviluppa sotto forma di arbusto e cresce spontaneamente nelle regioni mediterranee, sebbene possa adattarsi bene a diverse temperature. Ha radici dure e profonde, è in grado di ancorarsi su terreni in pendenza, non necessita di particolari cure ed è abbastanza facile da coltivare anche in vaso grazie alla sua rusticità.

Se piantato in piena terra o in vasi capienti, esistono varietà di rosmarino che possono raggiungere anche i due metri di altezza, adatte a formare una siepe o una staccionata decorativa e profumata nel giardino. In generale, sul balcone, invece, ci accontentiamo di una pianta aromatica di modeste dimensioni, in grado di soddisfare le esigenze familiari.

Okuma: Come coltivare il rosmarino in vaso

La presenza di alcune piante di rosmarino sono fondamentali per i buongustai che possono piantarle in vaso averle sempre a disposizione per insaporire i piatti con il caratteristico aroma del loro rami. Non è difficile coltivare questo arbusto perenne in vaso, abbiamo già parlato di come si coltiva il rosmarino, ora concentriamoci sulla coltura del balcone.

Scegli il luogo e il vaso giusti

Clima e posizione ideali

Il rosmarino è una pianta rustica e sebbene si trovi principalmente in Sviluppato in un microclima mediterraneo, caratterizzato da temperature miti, riesce ad acclimatarsi abbastanza facilmente a qualsiasi situazione climatica.

Tuttavia, non sopporta a lungo il freddo intenso : coltivandole in vaso in zone con temperature basse, puoi consigliare di posizionare le piante in un luogo esposto a il sole ed è vicino a un frangivento, ad es. B. un muro. Durante le gelate invernali, potrebbe essere consigliabile tirare dentro i vasi di rosmarino o coprire le piante con un vello.

Il luogo ideale per le piante di rosmarino è soleggiato.

Scelta del vaso e del terriccio

Per coltivare il rosmarino sul balcone possiamo scegliere un contenitore di qualsiasi dimensione , tranne quelli troppo piccoli. La dimensione del vaso incide ovviamente sulle dimensioni che la pianta può raggiungere man mano che cresce: limita l’apparato radicale e si riflette sulla parte aerea. Il contenitore ideale è un vaso di terracotta di circa un piede di diametro.

Ayrıca bakınız: Come tagliarsi i capelli da sola? 5 metodi efficaci

Questo aromatico non è particolarmente esigente nel terreno e cresce facilmente in un terreno generico per fogliame e piante da fiore, ma è molto importante garantire un corretto drenaggio: si consiglia di mescolare il terreno con sabbia per renderlo più soffice e uniforme. L’aggiunta di un po’ di compost maturo può completare e creare un surplus di nutrienti.

Inizio coltivazione rosmarino

Preparazione del vaso e semina

Proseguendo con la coltivazione del rosmarino in vaso è necessario raccogliere i semi o in alternativa possiamo propagarlo per talee. Per chi non ha molto tempo, puoi sempre acquistare piantine già pronte in un vivaio.

Per prima cosa, scegliamo che tipo di rosmarino vogliamo mettere sul nostro balcone. Esistono diverse varietà di rosmarino, tra le quali possiamo identificare quelle dove l’arbusto ha un portamento eretto e il rosmarino prostrato che viene prima si sviluppa orizzontalmente , mentre i rami successivamente salgono verso l’alto. In natura le cultivar prostrate sono le più diffuse e generalmente quelle più adatte alla coltivazione in vaso.

La stagione della semina è la primavera, ma consigliamo di evitare le giornate piovose e di aspettare che il clima si stabilizzi. Per prima cosa dobbiamo riempire il vaso di terra, che deve rimanere morbida e senza raggiungere il bordo. Per favorire il drenaggio, è importante mettere uno strato di sassi sul fondo.

A questo punto potete spolverare una spolverata di semi della qualità di rosmarino desiderata e coprirli con un altro leggero strato di terriccio, annaffiarli leggermente e mettere la pentola in un luogo caldo e posto asciutto.Dopo 14 giorni appariranno i primi germogli , ovviamente non tutti si svilupperanno del tutto, quindi nelle prime settimane bisognerà effettuare una serie di diradamenti fino a quando solo i più resistenti e bene- rimangono le piantine conservate. o in diversi periodi dell’anno, ma è meglio evitare le stagioni eccessivamente calde e anche l’inverno con le sue gelate. Il mese di marzo può essere un periodo favorevole.

Lavori di coltivazione sul balcone

Irrigazione in vaso

A proposito di l’annaffiatura , pianta tipica della macchia mediterranea, richiederebbe un apporto idrico limitato, coltivata in pieno campo non si bagna quasi mai, solo nelle prime settimane di sviluppo delle gemme e nelle estati più secche.

Come qualsiasi altra coltura da balcone, anche i vasi di rosmarino dovrebbero essere annaffiati regolarmente, assicurandosi sempre che non vi siano ristagni d’acqua, poiché ciò potrebbe portare al marciume radicale.

La potatura del rosmarino

Ayrıca bakınız: Candida Uomo: cause, sintomi e cura della candida maschile

Il rosmarino non richiede cure particolari o misure di potatura speciali. Basta rimuovere i rami secchi o danneggiati e se necessario potare leggermente la pianta per regolarizzarne l’aspetto estetico. In genere una pianta da balcone in vaso tende a non svilupparsi molto vigorosamente, quindi non è necessario intervenire per contenerla.

Parassiti e patologie

Il rosmarino è un arbusto abbastanza vigoroso e non è soggetto a particolari patologie, l’unico rischio è il marciume radicale causato dalla formazione di ristagni idrici: per evitare questo problema si consiglia di controllare sempre che il terreno sia buono e drenato. Nella coltura in vaso, questo tipo di marciume può essere comune e dipende quasi sempre dall’eccesso di acqua.

La pianta attira raramente parassiti comuni, anche meno sul balcone che in giardino. Ci sono insetti per i quali il rosmarino è addirittura un repellente, mentre è molto apprezzato dalle api e da altri insetti impollinatori. Raramente può cadere preda di piccoli insetti come Eupteryx decemnotata o Chrysomela americana, tuttavia si tratta di specie non molto comuni che possono essere rimosse con olio di neem, un pesticida naturale che se ne ricava si ottiene un antico albero di origine birmana.

Raccolta e conservazione del rosmarino

Per chi utilizza il rosmarino in cucina, la sua coltivazione in vaso permette di averlo sempre a disposizione sul davanzale o sul balcone del casa. È importante potare la pianta solo quando necessario per sfruttarne tutto l’aroma.

Durante la raccolta, stiamo attenti a non danneggiare la pianta scegliendo la cima di uno dei rami più alti e robusti e lasciandola poi asciugare all’ombra. Si può utilizzare per circa due settimane o essiccare per farlo durare più a lungo.

Oltre ad essere un ottimo aroma per la cucina, il rosmarino ha anche proprietà balsamiche e antisettiche e è usato anche in medicina omeopatica.

Ayrıca bakınız: Blefarite e rimedi naturali: impacchi, cibo e igiene e buone norme

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button