Come

Che cosa è il TFR e come calcolarlo in maniera corretta

Chiunque abbia lavorato in amministrazioni pubbliche e private come dipendente sa sicuramente che cos’è il TFR o TFR. Tuttavia, non tutti sanno che esistono criteri molto specifici per il calcolo. In questo articolo chiariamo il problema e spieghiamo come eseguire il calcolo.

Se vuoi saperne di più, non devi far altro che leggere.

Okuma: Come si calcola il tfr mensile

TFR: cos’è

Il TFR, acronimo di TFR, è il beneficio economico spettante al dipendente al momento della cessazione del rapporto di lavoro, per qualsiasi causa (risoluzione, dimissioni o raggiungimento dell’età pensionabile), ha diritto a ) . L’INPS lo definisce come “l’importo che il datore di lavoro deve corrispondere al lavoratore dipendente alla cessazione del rapporto di lavoro, pari alla somma degli importi della retribuzione differita e rivalutata annualmente”

Si tratta quindi di una retribuzione che si percepisce alla cessazione del rapporto di lavoro, calcolata su base annua.

Finora tutto è molto semplice. Tuttavia, molti si chiedono come calcolare correttamente il TFR. Continua a leggere e ti spiegheremo tutto in dettaglio.

Come si calcola

Ayrıca bakınız: Altezza di un triangolo: come si calcola | Studenti.it

Per sapere come si calcola il TFR, la norma di riferimento è l’art.2120 del codice civile.

Il trattamento di fine rapporto è calcolato sommando, per ogni anno di servizio, una quota pari e comunque non superiore all’importo della retribuzione spettante per lo stesso anno diviso per 13,5

strong> (“Il Canone sarà ridotto proporzionalmente per frazioni di anno, con frazioni di mese pari o superiori a 15 giorni conteggiate come mese intero”).

L’importo guadagnato da questo dipartimento (o, se preferisci, la quota annuale di reddito destinata al TFR) sarà al 31% forfettario e al 75% l’aumento nell’indice dei prezzi al consumo per famiglie di lavoratori e dipendenti determinato dall’Istat (NIC) rispetto a dicembre dell’anno precedente . In altre parole, gli importi accantonati per il trattamento di fine rapporto vengono rivalutati ogni anno su base cumulativa dell’1,5% più il 75% dell’inflazione dell’anno di riferimento.

Calcolo a campione

Utilizziamo un valore numerico esempio per illustrare questo:

Considera lo stipendio annuo di un dipendente di € 25.000. Per prima cosa devi dividere questo importo per 13,5:

  • € 25.000:13,5 = € 1851,85

Ayrıca bakınız: Come creare un sito ecommerce di successo in 7 step nel 2022 | Shopify Italia

In questo modo otteniamo il parte lorda del trattamento di fine rapporto. Dalla quota lorda del TFR va detratto lo 0,5% della retribuzione annua, che è la percentuale dei contributi INPS. Quindi il calcolo è il seguente:

  • 0,5% di 25.000 = € 125,00

meno la quota annuale per l’INPS , z dove:

  • 1.851,85 € – 125 € = 1.726,85 €

L’importo di 1.726,85 € è il primo anno di TFR , dal 1 gennaio al 31 dicembre.

Come accennato in precedenza, il trattamento di fine rapporto è soggetto ad un aumento dell’1,5% negli anni successivi al trattamento di fine rapporto più il 75% di inflazione nell’anno di riferimento. Il calcolo è il seguente:

  • 1,5% di 1.726,85 € = 25,90 €
  • 75% di 0,5% (prezzo annuo aumento 2019 secondo Istat) = 0,375%
  • % 0,375 di 1.726,85 € = 6,47 €
  • 25,90 € 6,47 € = 32,37 € / 17% imposta di rivalutazione = 26,87 €
  • 1.726,85 € 26,87 = 1.753,72

Per i primi due anni di servizio il beneficio di uscita è di 1.726,85 € (trattamento di fine rapporto primo anno) 1.753,72 € (trattamento di fine rapporto secondo anno) per un totale di 3.480,57 € .

Ovviamente le tasse vanno poi detratte dal TFR. In questo modo si ottiene il trattamento di fine rapporto netto, ovvero l’importo che l’azienda effettivamente pagherà al dipendente al termine del rapporto di lavoro.

Ayrıca bakınız: Braccialetti anti-stalker: Fastweb spiega come funzionano

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button