Come

Russia, come si vive? L&039ex consigliere economico di Putin: In povertà quasi 20 milioni, cifra destinata a triplicare – Il Mattino.it

Il numero di russi che vivono in povertà si avvicina ora ai 20 milioni, un numero che potrebbe raddoppiare e forse triplicare a causa della guerra in Ucraina. Putin sembra completamente disinteressato allo stato del Paese e ai suoi cittadini, ma ci vorrà del tempo prima che questi stati abbiano conseguenze politiche concrete. Anche se “un cambio di governo prima o poi è inevitabile”. L’analisi arriva da Andrei Illarionov, l’ex consigliere economico di Vladimir Putin, che ora vive negli Stati Uniti. In una lunga intervista con la BBC, Illiarionov ha delineato i rischi per il paese in un recente sondaggio della Banca centrale russa secondo cui l’economia si contrarrà dell’8% quest’anno, mentre l’International Institute of Finance afferma che potrebbe contrarsi fino a 15%. Per l’ex consigliere, un vero embargo da parte dell’Europa porrebbe fine alla guerra.

Armi chimiche, la grande paura dell’Ucraina: ecco cosa sono e perché la Russia li ha

Okuma: Come si vive nella russia di putin

Ayrıca bakınız: Come far godere un uomo a letto

LE PRIORITÀ DI PUTIN Il fatto che Putin sia pronto a dare un colpo all’economia mostra dove risiedono le sue priorità, secondo Illiarionov. “Le sue ambizioni territoriali, le sue ambizioni imperiali – ha spiegato – sono molto più importanti di ogni altra cosa, compreso il nutrimento della popolazione russa e della situazione finanziaria del Paese, anche della situazione finanziaria del suo governo”, ha affermato. La scorsa settimana, tra le tensioni con l’Europa sui pagamenti della benzina, il presidente Putin ha affermato che gli “indicatori chiave” della salute dell’economia russa sono stati “creazione di posti di lavoro, riduzione della povertà e delle disuguaglianze, miglioramento… della qualità della vita di persone, la disponibilità di beni e servizi”. Illarionov ha affermato che le risorse del settore pubblico e privato russo “per aumentare o addirittura mantenere il reddito della popolazione sono in realtà piuttosto limitate”. I dati della Banca Mondiale riportano che quasi 20 milioni di russi vivono in povertà e dal 2018 Putin ha promesso di dimezzare quel numero, ma l’ex consigliere nega assolutamente la possibilità che la situazione interna possa migliorare.

Lavori Lo riporta la BBC il centro di ricerca strategica con sede a Mosca ha stimato il 1 aprile che due milioni di posti di lavoro potrebbero essere persi quest’anno. Preoccupazioni condivise da Vladimir Milov, l’ex vice ministro dell’Energia della Russia, oggi nel partito di opposizione di Alexei Navalny Russia del futuro. “Molte persone – continua a raccontare Milov alla Bbc – hanno paura di perdere il lavoro, ma la maggioranza non è realmente consapevole della gravità della situazione economica”. Intanto l’inflazione è già salita al 15,7% a causa della guerra, il che significa che che i consumi superflui come palestre e ristoranti potrebbero diminuire sempre più. “Questa – ha detto Milov alla Bbc – è una brutta notizia per molte piccole imprese”.

PREZZI Secondo l’emittente, gli alimenti base come zucchero, cipolle e cavoli sono aumentati di prezzo di oltre il 40% in Russia dall’inizio dell’anno. Milov commenta: “Abbiamo sempre spiegato alla gente che le politiche di Putin avrebbero portato la Russia al disastro, inclusa una completa catastrofe sociale ed economica e un deterioramento del tenore di vita che non vedevamo da decenni”. E aggiunge: “Devo dire che tutto questo ha un prezzo altissimo. Preferiamo non vedere cosa succede oggi”.

Ayrıca bakınız: Pulizia Fondo Piscina: Come Pulire il Fondo e Tenere Pulita la Piscina

GASEMBARGO Illarionov indica la strategia per fermare la guerra. Secondo l’ex consigliere di Putin, l’impatto delle sanzioni e l’uscita di società occidentali, tra cui McDonald’s e Goldman Sachs, potrebbero limitare l’offerta di beni e servizi in Russia. Per Illarionov, la Russia “non ha preso sul serio” le minacce di altri paesi per ridurre il proprio consumo energetico. Sebbene l’Europa stia cercando di ridurre la sua dipendenza dalle fonti russe, continua ad acquistare petrolio e gas. L’anno scorso, l’impennata dei prezzi ha fatto sì che le entrate di petrolio e gas rappresentassero il 36% della spesa pubblica russa. Gran parte di queste entrate proviene dall’Unione Europea, che importa circa il 40% del suo gas e il 27% del suo petrolio dalla Russia. L’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri, Josep Borrell, ha calcolato che l’Europa paga ogni giorno a Putin 1 miliardo di euro per l’energia. E così Illarionov dice: “Un vero embargo energetico potrebbe fermare la guerra in Ucraina”.

Draghi: più gas da Algeri, così rispondiamo a Putin. Subito tre miliardi di metri cubi di metano per l’Italia

CAMBIO DI GOVERNO Secondo Milov, fuggito in Lituania lo scorso anno, “la Russia è un Paese con grande inerzia sociale e molta paura delle autorità.In particolare – dice – le persone hanno davvero paura di protestare perché in quel momento possono finire in carcere per molto, molto tempo per aver manifestato». E ha aggiunto: “Tra pochi mesi, problemi economici profondi che non vediamo da 30 anni cambieranno l’umore della società. Più persone inizieranno a parlare ad alta voce». Un’analisi condivisa da Illiarionov: «È assolutamente impossibile avere un futuro positivo per la Russia con l’attuale regime politico. Con Putin non c’è modo di reintegrare il Paese nelle relazioni internazionali, nell’economia mondiale. Entrambe le interviste sono state trasmesse su Talking Business con Aaron Heslehurst.

Ayrıca bakınız: Elezioni regionali in Calabria, quando e come si vota: la guida

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button