Come

Aprire un Nido Famiglia: la guida completa e aggiornata 2019 | Sitly Blog

La bambinaia è una “mamma del giorno” che ha creato un nido familiare nella propria casa. O nido di famiglia: insomma un luogo dove accoglie i bambini di cui si prende cura mentre i genitori sono al lavoro. Ma come si apre un nido di famiglia? Continua a leggere e avrai tutte le informazioni necessarie per iniziare questa nuova avventura.

Se sei una mamma alla ricerca di un’attività che ti permetta di conciliare al meglio figli e lavoro. Un’insegnante che vuole avviare un’attività in proprio. Oppure hai una laurea in scienze dell’educazione, ami i bambini e vuoi inventare una professione. Oppure sei una baby sitter che cerca di fare il grande passo… Beh, se sembra che parli di te, potresti già essere una babysitter.

Okuma: Come aprire un asilo nido in casa

Come forse già saprai, un nido di famiglia è un ambiente, solitamente una casa privata, dove l’assistente all’infanzia si prende cura di un piccolo numero di bambini di età compresa tra tre mesi e tre anni. Childminder non è né una baby sitter né una mamma d’aiuto, ma un’educatrice specializzata in educazione della prima infanzia, che conclude un preciso patto educativo con le famiglie e coinvolge i bambini in modo giocoso e stimolante. E l’asilo nido di famiglia non è né un asilo né un parcheggio, ma una casa a misura di bambino: sicura, sana, attrezzata per giocare e scoprire il mondo.

Se vuoi saperne di più sulla differenza tra tradizionale asili nido e asili nido familiari, vi consiglio di leggere anche la nostra guida alla scelta: asilo nido o asilo nido familiare? Abbiamo creato un ritratto comparativo delle due realtà che può tornare utile anche se non hai un figlio da iscrivere ma stai pensando di iniziare un’attività con i bambini.

Nelle righe seguenti ci occuperemo degli asili nido domiciliari (o asili nido domiciliari o asili nido familiari: sono chiamati in molti modi in Italia) dal punto di vista dell’imprenditore che si vuole diventare. Come aprire un nido familiare? Quali sono i requisiti che deve avere un assistente all’infanzia e quali sono le restrizioni in termini di ambiente? E dal lato della burocrazia, cosa fare?

Innanzitutto: come diventare una tata

La tata è nata e si è diffusa nei paesi del nord Europa e in Germania. È arrivata in Italia attraverso l’esperienza del Trentino, dove le “educatrici” si sono organizzate in cooperative e hanno iniziato a strutturare modelli di business e pacchetti di competenze. Il concetto di asilo familiare è vicino alla pedagogia waldorf o steineriana e alle teorie di Maria Montessori: anche per questo il ruolo degli ambienti, degli oggetti e dell’educazione della bambinaia è così rilevante.

Aprire un asilo nido a casa propria significa prima di tutto decidere se proseguire gli studi. Insomma, non si tratta di arredare casa e cercare i primi clienti. Si tratta piuttosto di attenersi a una visione educativa che vede l’asilo familiare come luogo simbolico ed educativo, come “estensione della casa” per il bambino. E di trasformare la propria casa per farne un luogo di accoglienza, stimolo e crescita.

Al momento in cui scrivo, non esiste una normativa nazionale che stabilisca i requisiti che un assistente all’infanzia deve avere per aprire un nido al chiuso. Sono regolamentati in modo diverso a seconda della regione. Ti consigliamo di informarti presso il comune in cui vivi o presso gli uffici regionali competenti.

Se vuoi trovare lavoro come baby sitter, iscriviti a Sitly. È gratis!

Voglio lavorare come baby sitter

Per iniziare subito a cercare lavoro, scarica l’app Sitly sul tuo telefono o tablet!

Formazione per l’infanzia: la situazione attuale

Ayrıca bakınız: Arredare casa con gusto: idee e consigli – La Passione Di Arredare

Come ho detto, la situazione cambia da regione a regione. In generale, però, si possono individuare linee guida generali che sono condivise un po’ ovunque:

  • per poter aprire un asilo nido in casa è necessario essere in possesso di una laurea in scienze dell’educazione o della formazione;
  • in alternativa si può completare la formazione per diventare badante, che dura dalle 200 alle 400 ore a seconda della regione. Il corso deve essere erogato da un istituto di formazione accreditato e prevedere diverse ore di formazione pratica (da un quarto a un terzo) in asili nido domiciliari accreditati.

I corsi di formazione for L’apertura di un asilo nido familiare comprende argomenti come primo soccorso, manovre di sblocco pediatrico, elementi di pedagogia e psicologia, salute e sicurezza, fondamenti di legislazione e marketing. I corsi di formazione sono molto importanti per imparare a progettare attività espressive e creative che possono essere offerte ai bambini: laboratori di manipolazione, attività artistiche e musicali, giochi in inglese, ecc.

Esigenze personali per aprire un asilo nido familiare: il prossimo futuro

Ad aprile 2017 sono stati adottati otto decreti Buona Scuola per creare un sistema educativo integrato da 0 a 6 anni. In questo contesto si è affermata la volontà:

  • di considerare gli asili nido come una questione di principio di offerta educativa per i bambini e non più i servizi di assistenza,
  • di standardizzare la offrire qualitativamente e unificare quantitativamente i servizi per l’infanzia in tutta Italia,
  • estendere tale offerta al 33% della popolazione fino all’età di 3 anni.

Dal punto di vista del futuro assistente all’infanzia Il decreto è importante perché:

  • l’allargamento delle opportunità educative per i bambini al 33% della popolazione significa che lo spazio (e presumibilmente anche finanziamenti) saranno disponibili per offerte che offrono alternative agli asili nido pubblici, come quelli domestici;
  • Standardizzazione dei servizi educativi significa anche standardizzazione delle qualifiche degli educatori. Si richiede quindi una laurea in pedagogia con indirizzo specifico, oppure una laurea quinquennale in pedagogia della scuola primaria con specializzazione

Babysitter e nidi familiari in rete

Per un educatrice che ha terminato la sua carriera, l’ultimo passaggio è – non obbligatorio ma molto comune – l’adesione a una cooperativa o associazione. Questa pratica è consigliata dalla Domus Associazione Nazionale Dirigenti del Servizio di Assistenza all’infanzia. Domus nasce dall’esperienza dei nidi trentini della famiglia. Si propone di diffondere le buone pratiche in tutte le altre regioni d’Italia e di standardizzare gli standard di qualità del servizio. Secondo il modello proposto da Domus, ogni assistente all’infanzia deve riferire a un ente. E in fondo non lavorare da soli, nemmeno dal punto di vista fiscale. Questo modello è adottato anche da altre aziende indipendenti da Domus con l’obiettivo di:

  • fornire all’educatore delle specializzazioni professionali (psicologi, pedagoghi, logopedisti, coordinatori)
  • offrire corsi di aggiornamento e altre opportunità di formazione;
  • assicurarsi che l’assistente all’infanzia sia rappresentato in caso di inabilità al lavoro;
  • Durante la giornata, affiancare le mamme in tutti gli aspetti del lavoro: dai rapporti con le famiglie agli aspetti gestionali e fiscali.

L’elenco dei soci dell’Associazione Nazionale Domus è riconosciuto dal Ministero dello Sviluppo Economico. Oltre a Domus, ci sono anche molte cooperative e reti di nidi familiari a livello locale a cui rivolgersi per informazioni e consigli. Come Scarabocchiando a casa di, le badanti toscane o la rete delle badanti autonome. Tutte queste associazioni organizzano corsi di formazione per l’apertura di un asilo nido familiare.

Fase due. Preparare gli spazi

Se è importante la formazione dell’educatore, non è meno importante l’organizzazione degli spazi che i bambini dovranno ospitare. La casa, infatti, gioca un ruolo fondamentale nel modello dell’asilo nido domiciliare. A causa della continuità spaziale e climatica, molte famiglie preferiscono affidare un bambino piccolo a un asilo nido domestico piuttosto che a un tradizionale asilo nido. Calmante e domestico.

Le stanze della casa da adibire a stanze dei bambini devono coincidere, se possibile, con la casa della badante. I criteri di idoneità variano da regione a regione, ma gli ambienti devono soddisfare tutti i requisiti standard di abitabilità e sicurezza. Del resto per aprire un nido familiare ci vuole un appartamento luminoso, ben ventilato e non nel seminterrato.

Non esiste una normativa uniforme per quanto riguarda i metri quadri richiesti, ma considera dai 4 ai 7 mq per bambino . Più ambienti da pulire, cambiare e riposare. In generale, per aprire un asilo familiare secondo le regole, è necessario organizzare la propria casa in modo tale da:

  • avere un ambiente in cui accogliere i bambini, togliergli le giacche, e togliersi le scarpe;
  • un’area giochi priva di spigoli o altri ostacoli, preferibilmente rivestita con materiale morbido come tappetini in gomma;
  • un’area relax con lettini o gonfiabili;
  • una cucina per mangiare;
  • una stanza igienica con fasciatoio e brocca.

Se stai cercando di farti un’idea su come fornire giocattoli e attrezzature per allestire il tuo parco giochi ti consigliamo di dare un’occhiata ai nostri post sui regali per bambini di 1 anno, regali per 2 , i regali per i bambini di 3 o 4 anni, i giochi per i bambini di 1 e 2 anni, le attività per i bambini di 3 anni e il post sui giochi da fare in casa con materiali condivisi per un approccio Montessori alle attività. Troverai davvero molte idee lì.

Passi burocratici per aprire un asilo nido familiare

L’ultimo ostacolo che devi affrontare per aprire un asilo nido familiare riguarda la burocrazia e i permessi.L’iter burocratico è diverso da luogo a luogo, ma praticamente ovunque è necessario predisporre uno SCIA – Verbale Certificato di Inizio Impresa nel proprio comune di residenza. Al momento della presentazione della SCIA (che si può fare in molti posti online), avere a portata di mano tutta una serie di certificati che possono essere richiesti: abitabilità dei locali, impianti a norma, antincendio, se necessario HACCP per la movimentazione degli alimenti. Normalmente la SCIA opera con il tacito consenso. Ciò significa che non devi aspettare l’approvazione, puoi iniziare subito; se le autorità competenti scoprono irregolarità, ti chiederanno di correggerle.

Ayrıca bakınız: Osservatorio sulla Casa | Come spostare un armadio pesante senza farsi male alla schiena

Come sapete, l’ASL è obbligata a verificare l’idoneità dei locali del vostro asilo nido in caso di piccole deviazioni locali. Quindi aspettati visite regolari da parte degli ispettori.

Consulta un commercialista e un referente di una rete di nidi familiari o di un’associazione, se hai deciso di farne parte, in merito alla forma giuridica che desideri dare alla tua attività. Puoi optare per la partita IVA se desideri lavorare in modo indipendente. Se invece preferisci lavorare con una cooperativa, stabilirai con loro un rapporto di collaborazione duratura e sarai retribuito in base al numero di bambini di cui ti occupi.

In alcune regioni si applica quanto segue: Gli asili nido in casa non possono essere redditizi: scopri di più dalle autorità competenti nella tua regione. Molte realtà sono organizzate come associazione tra famiglie, con un accordo privato per regolare i rapporti tra i membri.

Ricorda che puoi ospitare un numero massimo di bambini, di solito non più di cinque, compresi i tuoi figli se ne hai. Molte regioni hanno anche un numero massimo di bambini di età inferiore a uno che possono essere ospitati: tre nella maggior parte dei casi.

Quanto costa e quanto guadagni aprire un asilo nido familiare

I costi si riferiscono alla formazione iniziale (poche centinaia di euro ma dipende molto dall’istituto) e l’acquisto di materiale di gioco, lettini per bambini, mobili e dispositivi vari. I costi sostenuti dipendono fortemente da come ti organizzi. Se sei bravo a riavere le culle da amici che non le usano più, o a prendere accordi con un asilo nido privato che presterà giochi e attrezzature per l’uso, dovresti riuscire a contenere la spesa.

In ogni caso, in questo caso, considera i 1000 euro come un buon punto di partenza. Non dimenticare di stipulare un’assicurazione di responsabilità civile. Incide un po’ sul costo, ma è essenziale.

Piuttosto, i guadagni dipendono da quanti figli accolgi e per quanto tempo: pochi re al giorno o dalla mattina alla sera? Il pasto è incluso o no? Quando stabilisci il tuo prezzo, tieni presente che un asilo nido privato per l’intera giornata può costare tra 400 e 700 euro, a seconda della regione. Stai cercando di ottenere prezzi competitivi per un servizio simile. Tienilo un po’ più basso (e forse un po’ più alto di un asilo nido comunitario, anche se parliamo di un reddito che non dipende da te.)

Alcune risorse utili se vuoi avviare un nido di famiglia

Concludiamo con un piccolo elenco di risorse che possono essere utili per darti un po’ di informazioni prima di avviare un’attività di giardinaggio familiare. Libri:

  • Elisabetta Mottino, professione di badante. Suggerimenti e consigli pratici per aprire un asilo nido in casa, Franco Angeli 2014.
  • Il Servizio Babysitter, Un servizio innovativo per le famiglie. L’esperienza del Comune di Parma a cura di A. Santuari, Edizioni Domus.
  • Caterina Masè e Rosi Rioli, Per una pedagogia della domesticità, Edizioni Domus.

Una buona risorsa online per informazioni pratiche è Zeroseiplanet, un centro di ricerca e formazione per i servizi di assistenza all’infanzia.

E infine, ma forse soprattutto, un documento di sintesi dell’intera situazione legislativa sugli asili nido familiari, regione per regione, a cura del Centro Nazionale di Documentazione e Analisi dell’Infanzia e dell’Adolescenza, la Giunta del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Che ne dici, ti butti in questa avventura?

Ayrıca bakınız: Come montare un lampadario – Idee Green

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Check Also
Close
Back to top button