Come

I soprannomi delle squadre spagnole – PokerStars News

Parlando del calcio spagnolo, da sempre legato alle formazioni iberiche, troviamo nel giornalismo e tra i tifosi veri e propri soprannomi attribuiti a ciascuna squadra, con i quali si possono identificare i giocatori di questa formazione.

In alcuni casi il nickname ha radici molto chiare, magari basate sui colori della squadra, in altri è legato a una storia piuttosto curiosa.

Okuma: Come vengono chiamati i giocatori del real madrid

Quindi vale conoscere i soprannomi delle squadre spagnole.

ALAVES, “Los Babazorros”

Los Babazorros è il nome degli abitanti di Alava, provincia della Comunità Autonoma dei Paesi Baschi. Questa parola è composta da due parole, “baba” (“fagiolo”) e “zorro” (“sacco”), riferite alla grande presenza di legumi in questa zona del paese.

ATHLETIC BILBAO, ‘Los Leones’

Questo soprannome si basa sulla storia di San Mames, un martire cristiano che fu dato in pasto ai leoni nel XIII secolo, ma secondo la leggenda, invece di divorarlo, si misero al suo servizio. Su questa base, i giocatori del Bilbao sono stati ribattezzati “Lions”, con il compito di difendere lo stadio della città.

ATLETICO MADRID, “Los Colchoneros”

Si sente spesso in Associazione con i colchoneros i ragazzi di Simeone: questi ultimi devono il loro soprannome alle magliette a righe bianche e rosse, proprio come il motivo a righe bianche e rosse stampato sulla fodera dei materassi realizzati alla fine della guerra civile spagnola.

BARCELLONA, ‘Los Culés’

È vero, conosciamo i catalani come ‘Blaugrana’ per via dei colori delle loro divise, ma in realtà i giocatori del Barça sarebbero ‘Los Cules’ Questo pittoresco Nome deriva dal fatto che fino agli anni ’20 il Barcellona giocava al vecchio Camp del Carrer Industria, sempre esaurito perché molto piccolo, costringendo molti tifosi a sedersi sul muro perimetrale e dare idealmente il sedere ai passanti da mostrare. “Los Cules”.

BE TIS SEVILLE, ‘Los Verderones’

Ayrıca bakınız: Termometro ambiente interno: le migliori app per misurare la temperatura | Greenissimo.it

Il simbolo di Siviglia è il cardellino, un uccello dalle piume verdi che campeggia sullo stemma della squadra. Da qui viene loro attribuito il soprannome di “Los Verderones”:

CELTA VIGO, “Los Olivicos”

La città di Vigo aveva adottato in passato il nome di ‘Città dell’ Olivo’ per via di un olivo che – secondo la leggenda – fu piantato dai Cavalieri Templari nell’atrio della Collegiata di Santa Maria come simbolo di pace. Da allora, questo soprannome è stato attribuito alla squadra locale:

EIBAR, ‘Los Armeros’

In italiano, gli “armaioli”. Infatti, da un punto di vista industriale, la città del nord della Spagna nel XV secolo era caratterizzata da una forte produzione di ferro e acciaio, utili per la fabbricazione di armi da fuoco. Da allora, i giocatori hanno portato il soprannome che ricorda le armi.

ESPANYOL, ‘Los Periquitos’

Il soprannome di questi giocatori è “The Budgies”. Questo perché la formazione del Barcellona ha le sue radici nello stadio di Sarria, che è stato costruito in una zona ricca di alberi popolata dai suddetti uccelli. Tuttavia, questa è solo una teoria; un altro recente afferma che questo era un soprannome dispregiativo dato dai tifosi del Barcellona nel colore blu scuro degli anni ’20. Inoltre, la prima divisa da gioco del Getafe, vista negli anni ’20, era blu perché (o almeno così si dice) dello stesso colore delle divise indossate dai lavoratori della città.

GRANADA, ‘Los Nazaries’

A Granada esisteva nel XIII secolo un sultanato fondato dalla dinastia dei Nasridi, che governò la città fino alla riconquista cristiana poco prima del XVI secolo. Da allora, i nati a Granada (e poi anche i calciatori) sono stati soprannominati “Nazaries”. . In questo caso il soprannome è abbastanza facile da capire: Leganes prospera da anni con attività agricole che sono state la risorsa più ricca del Paese. Da lì, ovviamente, “cetrioli”.

LEVANTE, ‘Las Granotas’

Curioso soprannome, questo che traduciamo come “rane”. Questo perché nel 1939 il Levante ha suonato al Campo de Vallejo sulle rive del fiume Turia. Posto pieno di rane: da qui deriva il soprannome attuale.

MALLORCA, ‘Los Bermellones’

Questo termine sta per “vermiglioni” in italiano, in riferimento ai colori delle maglie, rosso-arancio, sempre sulla base del termine catalano ” vermelló”. “.

OSASUNA, “Los Rojillos”

Ayrıca bakınız: Bici elettrica fai da te | Come montare il kit motore – Bricoportale.it

Il Club Pamplona, ​​​​​​fondato nel 1920 Il suo soprannome (“rosso brillante”) deve essere il colore della bandiera della Navarra, regione nel nord della Spagna, dove si trova la città.

REAL MADRID, ‘Los Merengues’

Il soprannome dato ai giocatori del Real Madrid deriva dalle meringhe, il dolce a base di zucchero a velo, che quest’ultimo conosce proprio come le maglie dei club. Ma non è l’unico soprannome attribuito agli uomini di Ancelotti: spesso li sentiamo chiamare ‘Blancos’ o ‘Bianchi’ in riferimento alle divise. Oppure li abbiamo sentiti come “Galacticos” quando il presidente Perez ha costruito una squadra di stelle negli anni 2000.

REAL SOCIEDAD, ‘Los Txuri-urdin’

Anche in questo caso, come in tanti altri, il soprannome è dovuto ai colori del club, bianco e blu, usati entrambi in può essere trovato nelle maglie così come nell’inno ufficiale.

SIVIGLIA, ‘Los Palanganas’

Forse il più strano di tutti. Infatti significa “i cembali” in italiano. Perché si riferisce a una leggenda dell’inizio del XX secolo in cui il club si è diviso per la decisione di acquistare un giovane promettente. I dissidenti hanno dato agli ex membri una bacinella su cui versare lacrime di rimorso per non aver comprato il suddetto giovane.

VALENCIA, ‘Els Che’

Questa affermazione si basa su un’espressione molto comune nell’area valenciana o un “Che” che potremmo probabilmente tradurre come “Hey”. Ma non è l’unico: sentiamo parlare anche di giocatori valenciani chiamati “murcielagos” o “pipistrelli” per via dell’animale diffuso in questa zona del paese. Il pipistrello è presente anche nel logo della squadra.

VALLADOLID, ‘Los Pucelanos’

In italiano “i bambini”. Varie ipotesi sull’origine di questo soprannome: dalla difesa della città della Maid of Orleans nella Guerra dei Cent’anni del XIV secolo alla sua associazione con il termine “Pozuela” in base alla posizione geografica in cui sorge la città, o un ” pool” tra due fiumi, il Pisuerga e l’Esgueva e il Canal de Castilla.

VILLARREAL, ‘El Submarino Amarillo’

Forse il soprannome più romantico. In effetti, Villareal deve questo nome alla musica, poiché si basa sulla famosa canzone dei Beatles “Yellow Submarine”, che da allora è stata cantata dai fan con variazioni nell’aria, rendendolo uno dei cori ancora in moda.

Ayrıca bakınız: Come pulire e lucidare il marmo in modo naturale – greenMe

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button