Guida

Se non dichiaro chi era alla guida quanto pago

Multa: come evitare la sospensione della licenza o la detrazione di punti.

Ogni volta che arriva a casa una multa che, oltre alla multa, comprende anche la detrazione dei punti dalla patente, il verbale contiene la richiesta – e una categorica ordine – per inserire i dati del conducente effettivo, ovvero chi ha guidato il veicolo. Questo perché sarebbe incostituzionale sottrarre punti al proprietario dell’auto quando potrebbe non essere il vero colpevole dell’infrazione, come nel caso dell’auto prestata a un familiare oa un amico. Ciò solleva inevitabilmente la domanda: cosa succede se non fornisco i dati del conducente? Rischi un’altra sanzione e c’è un modo per evitare la seconda multa in questo caso? Ecco alcune informazioni importanti.

Okuma: Se non dichiaro chi era alla guida quanto pago

Quando devono essere trasmessi i dati effettivi del conducente?

Il proprietario del veicolo deve fornire i dati del conducente – ovvero la persona che guidava il veicolo quando è stata commessa la violazione – entro 60 giorni dopo la notifica della sanzione. Deve farlo sia se intende pagare per la denuncia che fare ricorso. Nel primo caso, infatti, il pagamento della sanzione non costituisce un’implicita ammissione di responsabilità, nel secondo caso, invece, il ricorso non sospende l’obbligo di notifica: i punti vengono invece sottratti al termine della sentenza in caso di rigetto del ricorso.

I dati devono essere comunicati ogni volta che la sanzione non è immediatamente impugnata, cioè connessa all’infrazione. In questo caso, gli agenti di polizia annotano effettivamente il nome dell’autore in modo che possa essere penalizzato con la detrazione di punti. In ogni caso, a scanso di equivoci, è la denuncia stessa che contiene il modulo per la dichiarazione in questione, che deve essere inviata mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento allo stesso soggetto che ha denunciato il reato. o con spec.

Ayrıca bakınız: Guidare a sinistra in Irlanda – Irlandando.it

Il messaggio deve contenere sia il nome e cognome del conducente che i dettagli della sua patente.

Cosa succede dopo la trasmissione dei dati effettivi del conducente?

Dopo la trasmissione dei dati del trasgressore, il trasgressore riceve le segnalazioni sia con la sanzione economica che con la riduzione dei punti, avverso le quali possono in ogni caso impugnare entro 60 giorni dalla notifica.

Il proprietario dell’auto resta solidalmente responsabile con quest’ultimo per l’unica sanzione economica: Ciò significa che se il conducente non paga la sanzione, il proprietario dell’auto può ricevere una fattura fiscale (con successivo sequestro dei beni ), ma non Punti sottratti. forte>.

Cosa succede se i dettagli del conducente effettivo non vengono divulgati?

I conducenti che non forniscono i dati dell’abbonamento senza giustificato motivo riceveranno una seconda multa compresa tra 282 e 1142 euro, ma non verranno detratti i punti della patente di guida .

In sostanza il proprietario del veicolo è lo stesso carnefice, quest’ultimo, per non subire la detrazione del punto, potrebbe eludere la richiesta della polizia e quindi pagare la seconda multa.

Se non invio i dati dell’autore del reato, la mia patente verrà revocata?

Ayrıca bakınız: Rinnovo patente scaduta: costo, età, come fare e documenti

Se la sanzione implica anche la rimozione della guida, il mancato conferimento dei dati dell’effettivo conducente evita tale sanzione, ovviamente a fronte del pagamento della seconda sanzione da Da 282 a 1142 euro. Anche in questo caso puoi “acquistare” l'”immunità” della tua patente non adempiendo all’obbligo di legge: come detto, però, tale violazione non costituisce reato penale ma semplice illecito amministrativo.

È possibile evitare la seconda sanzione per non aver fornito i dati del conducente?

La Suprema Corte ritiene legittimo il comportamento del conducente, che contestualmente ha risposto al richiesta delle forze dell’ordine entro 60 giorni di Non ricordo i dettagli dell’effettivo responsabile nella forma da te indicata: ma solo se corroborata da un valido motivo corroborato da prove documentali.

Si consideri l’ipotesi che un anziano disabile che presta l’auto ai propri figli, in determinate occasioni non si ricorda chi l’ha guidata e chi lo dimostra con certificato medico o denuncia di invalidità INPS può,

p>

Cosa succede se riporto i dati effettivi del conducente troppo tardi?

Chiunque comunichi gli dati effettivi del conducente oltre i 60 giorni sarà soggetto alla stessa sanzione di chi non avrà completato la suddetta comunicazione e subirà pertanto un seconda multa da 282 a 1142 euro.

Cosa succede se il proprietario dell’auto è il conducente effettivo?

Come accennato in precedenza, la trasmissione dei dati del conducente effettivo alla polizia deve anche verificarsi quando il proprietario del veicolo era alla guida. Quindi se il conducente effettivo era il proprietario dell’auto, gli viene presentata un’alternativa:

Ayrıca bakınız: Chi elabora le linee guida citate dalla legge gelli

  • si denuncia come il conducente effettivo e in questo caso subisce una detrazione di punti;
  • Non dichiarare nulla e in questo caso paghi solo la seconda multa, ma non perdi alcun punto dalla tua patente.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button