Come

Muore Hurrem Sultan, moglie del sultano Solimano il Magnifico | Paese Sera

Il 15 aprile 1558 muore Hürrem Sultan, nata Aleksandra Anastazja Lisowska e conosciuta in Europa semplicemente come Roxelana, “la rossa” . . per i suoi capelli rossi, essendo stata resa schiava dell’harem imperiale ottomano moglie del sultano Solimano il Magnifico, che fu il decimo e più longevo sultano regnante dell’impero ottomano dal 1520 fino alla sua morte nel 1566 .

Le fonti indicano che Hürrem Sultan proveniva originariamente dalla Rutenia, che allora faceva parte dei domini della corona polacca. È nata nella città di Rohatyn, 68 km a sud-est di Lwów (Lviv), una delle città più importanti del Voivodato della Corona Rutena del Regno di Polonia, nell’attuale Ucraina. Secondo fonti della fine del XVI e dell’inizio del XVII secolo, come il poeta polacco Samuel Twardowski (morto nel 1661), che studiò l’argomento in Turchia, Hurrem sarebbe nato da un uomo di nome Lisovsky, che era un sacerdote ortodosso di origine rutena. La sua lingua madre era il ruteno.

Okuma: Come si chiama la moglie del sultano

Durante il regno di Selim I, all’incirca 1510-1520, i tartari di Crimea la rapirono in una delle loro spedizioni di caccia agli schiavi tra la Crimea e Nogai nell’Europa orientale. I tartari potrebbero averlo portato prima nella città di Kaffa, un importante centro della tratta degli schiavi ottomani, prima di portarlo a Istanbul. A Istanbul, Valide Hafsa Sultan, moglie di Selim I, padre di Suleiman, ha scelto Hurrem come regalo per suo figlio. Hürrem in seguito riuscì a diventare Sultan Haseki o “Concubina preferita” dell’Harem imperiale ottomano. Michalo Lituanus scrisse nel XVI secolo che “la moglie prediletta dell’attuale imperatore turco, madre del suo primo [figlio] che regnerà dopo di lui, fu rapita dal nostro paese”.

Shaykh Qutb al-Din al-Nahrawali , una figura religiosa meccana che visitò Istanbul alla fine del 1557, notò nelle sue memorie che Hürrem Sultan era di origine rutena. Era una serva della famiglia di Hançerli Fatma Sultan, figlia di Şehzade Mahmud, figlio del sultano Bayezid II. Fu presentata a Suleiman quando era ancora un principe.

Roxelana, chiamata Hurrem Sultan dagli ottomani, è entrata probabilmente nell’harem all’età di quindici anni. L’anno esatto in cui entrò nell’harem è sconosciuto, ma gli studiosi ritengono che nel periodo in cui divenne Sultana nel 1520, la concubina di Suleiman divenne una moglie legale e “Regina dell’Impero Ottomano” suscitò gelosia e disapprovazione non solo dai suoi rivali nell’harem ma anche dalla popolazione generale. Ben presto divenne la principale consorte di Suleiman insieme a Mahidevran (noto anche come Gülbahar). Sebbene le date di nascita esatte dei suoi figli siano controverse, vi è consenso accademico sul fatto che la nascita dei suoi cinque figli – ehzade Mehmed, Mihrimah Sultan, Şehzade Abdullah, il futuro Sultan Selim II e Şehzade Bayezid – sia avvenuta rapidamente negli anni successivi. quattro o cinque anni. L’ultimo figlio di Suleiman e Hurrem, Şehzade Cihangir, nacque con un gobbo, ma a questo punto Hurrem aveva figli abbastanza sani da garantire il futuro della dinastia ottomana.

Ayrıca bakınız: Come riconoscere la cocaina rTMS Italia

Il suo spirito allegro e il suo temperamento giocoso le hanno fatto guadagnare un nuovo nome: Hurrem, derivato dal persiano khorram, “l’allegro“. La più notevole è la sua passione per la poesia, che probabilmente fece molto per portarla nel favore di Suleiman, che era un ammiratore della poesia e un poeta lui stesso. Nell’harem di Istanbul, Hürrem divenne un rivale di Mahidevran e la sua influenza sul sultano divenne presto leggendaria. Hürrem poteva avere più di un figlio, il che rappresentava una grave violazione del vecchio principio dell’harem imperiale di “una madre concubina – un figlio”, che aveva lo scopo di impedire a entrambe le madri del sultano di competere per il trono tra la faida dei fratelli di sangue. Hürrem diede alla luce la maggior parte dei figli di Suleiman e nel 1521 diede alla luce il suo primo figlio Mehmed (morto nel 1543) e poi altri quattro figli, distruggendo lo status di Mahidevran come madre dell’unico figlio maschio del Sultano. La madre di Suleiman, Hafsa Sultan, represse parzialmente la rivalità tra le due donne.

Nel 1533 o 1534 (data esatta sconosciuta) Suleiman sposò Hürrem con una grande cerimonia formale . Mai prima d’ora un’ex schiava è stata elevata allo status di moglie legale del sultano, uno sviluppo che ha stupito gli osservatori del palazzo e la gente della città.Hürrem è stata anche la prima consorte a ricevere il titolo di Haseki Sultan. Questo titolo, utilizzato per un secolo, rifletteva il grande potere delle consorti imperiali (la maggior parte delle quali erano ex schiave) alla corte ottomana, elevando il loro status al di sopra delle principesse ottomane e rendendole uguali alle loro consorti imperatrice in Europa. In questo caso, Suleiman non solo ruppe la vecchia usanza, ma iniziò una nuova tradizione per i futuri sultani ottomani: sposarsi con una cerimonia formale e dare alle loro mogli una notevole influenza sulla corte, soprattutto in termini di conseguenze . Lo stipendio di Hurrem era di 2.000 aspers al giorno, il che la rendeva una delle haseki più pagate. Dopo il matrimonio, circolava l’idea che il sultano avesse limitato la sua autonomia e fosse dominato e controllato dalla moglie. Inoltre, nella società ottomana, le madri in seguito hanno svolto un ruolo più influente nell’allevare i propri figli e nel guidare le loro carriere.

Hürrem è stata anche la prima donna a rimanere alla corte del Sultano per tutta la vita. Nella tradizione della famiglia imperiale ottomana, la consorte di un sultano doveva rimanere nell’harem solo fino a quando suo figlio non avesse raggiunto la maggiore età (circa 16 o 17 anni), dopodiché sarebbe stato mandato via dalla capitale per governare una lontana provincia, e sua madre lo avrebbe seguito. Questa tradizione era chiamata Sancak Beyliği. I coniugi non sarebbero mai tornati a Istanbul a meno che i loro figli non fossero saliti al trono. Nonostante questa antica usanza, Hürrem rimase invece nell’harem, anche dopo che i suoi figli governarono le province periferiche dell’Impero.

Hürrem ha agito come consigliere di Suleiman su varie questioni e sembra aver avuto un’influenza significativa sulla politica estera e internazionale. Due delle sue Lettere al re Sigismondo II Augusto di Polonia (regnò dal 1548 al 1572) sopravvivono e durante la sua vita l’Impero Ottomano intrattenne relazioni generalmente pacifiche con lo stato polacco all’interno di un’alleanza polacco-ottomana.

Nella sua prima breve lettera a Sigismondo II, Hürrem porta al nuovo re la massima gioia e congratulazioni per essere salito al trono polacco dopo la morte di suo padre, Sigismondo I il Vecchio Espressione nel 1548. Chiede anche al re di fidarsi del suo inviato Hassan Ağa. Nella sua seconda lettera a Sigismondo Augusto, Hürrem esprime la sua gioia che il re sia in buona salute e che assicura al sultano Solimano il Magnifico della sua sincera amicizia e attaccamento. Cita anche il detto del Sultano: “Con il vecchio re eravamo come fratelli, e se piace al Dio misericordioso, con questo re saremo come padre e figlio”. Con questa lettera Hürrem ha inviato a Sigismondo II il regalo di due paia di camicie e pantaloni di lino, alcune cinture, sei fazzoletti e un asciugamano con la promessa di inviare in futuro una veste speciale di lino. .

Oltre agli affari di stato, Hürrem è stata coinvolta in diversi importanti lavori pubblici costruiti dalla Mecca a Gerusalemme. Tra i primi edifici pubblici che costruì c’erano una moschea, due madrasse (madrase), una fontana e un ospedale femminile vicino al mercato degli schiavi (Avret Pazary) a Istanbul (complesso Haseki-Sultan). È stato il primo complesso costruito da Mimar Sinan nella sua nuova posizione di Capo Architetto Imperiale a Istanbul. Ha anche costruito complessi di moschee ad Adrianopoli e Ankara.

Ayrıca bakınız: Come cuocere un polpo precotto: le ricette e i consigli

Hürren ha anche commissionato un bagno pubblico per servire la comunità fedele nella vicina Hagia Sophia. A Gerusalemme nel 1552 fondò l’Haseki Sultan Imaret, una mensa pubblica per sfamare i poveri che aveva lo scopo di sfamare almeno 500 persone due volte al giorno. Costruì anche una mensa pubblica alla Mecca.

Hürrem morì a Costantinopoli il 15 aprile 1558. Negli ultimi anni della sua vita la sua salute era pessima. Si narra che il sultano, per non turbare la quiete della moglie nel corso della sua malattia, fece bruciare tutti gli strumenti musicali del palazzo. Suleiman non ha lasciato il letto di Roxelana fino all’ultimo giorno in cui è morta. Possiamo dire con relativa certezza che Suleiman provava un grande senso di amore per Hürrem, basta leggere le dediche d’addio scritte dal sultano alla sua defunta moglie dopo la sua morte. Queste dediche sono sopravvissute fino ad oggi. Roxelana fu sepolta nel mausoleo (türbe) adornato con squisite ceramiche İznik raffiguranti scene del paradiso terrestre, forse in omaggio alla sua natura allegra.Il suo mausoleo è accanto a quello di Suleiman, un edificio separato e più cupo annesso alla Moschea di Süleymaniye Camii.

Anche quando Hürrem era vivo, Suleiman usava il suo pseudonimo Muhibbi (che significa “amante”. ). Poesie a lei dedicate, come questa:

“Trono del mio rifugio solitario, delle mie ricchezze, del mio amore, della mia luce di luna. Il mio più sincero amico, il mio confidente, la mia esistenza, la mia sultana, il mio solo amore La più bella delle Belle… La mia primavera, il mio amore con la faccia felice, il mio giorno, la mia cara foglia felice… La mia pianta, la mia dolcezza, la mia rosa, l’unica che non mi dà problemi questo mondo… La mia Istanbul, il mio Caraman, la terra della mia Anatolia, il mio Badakhshan, il mio Baghdad e il mio Khorasan, mia moglie dai bei capelli, il mio amore con le sopracciglia oblique, il mio amore con gli occhi maliziosi… canterò sempre le tue lodi, amato dal cuore tormentato, Muhibbi con gli occhi pieni di lacrime, sono felice.”

Immagine di apertura: Hurren Sultan in una copia di un dipinto del pittore Tiziano intorno al 1550.

Bibliografia e fonti varie

Ayrıca bakınız: La storia del Festival di Sanremo | La Mia Liguria

  • Bonnie G. Smith, a cura di (2008).”Hürrem, Sultan”.The O xford enciclopedia delle donne nella storia del mondo. La stampa dell’università di Oxford. ISBN 9780195148909. Abbott, Elizabeth (1 settembre 2011). Mistresses: Una storia dell’altra donna. Trascurare. ISBN 978-1-59020-876-2.
  • “Il discorso di Ibrahim all’incoronazione di Massimiliano II”, Thomas Conley, Rhetorica: A Journal of the History of Rhetoric, Vol. 20, n. 3 (estate 2002), 266.
  • Kemal H. Karpat, Studies on Ottoman Social and Political History: Selected Articles and Essays, (Brill, 2002), 756.
  • Yermolenko, Galina I (13 febbraio 2010). Roxolana nella letteratura, storia e cultura europea. Ashgate Publishing, Ltd. ISBN 9781409403746 – tramite Google Libri.
  • https://islamansiklopedisi.org.tr/hurrem-sultan
  • http://www.golos.com.ua / articolo / 195893
  • Yermolenko , Galina (aprile 2005). “Roxolana: ‘La più grande imperatrice d’Oriente'”. Il mondo musulmano. 95 (2): 231–248. doi: 10.1111 / j.1478-1913.2005.00088.x.
  • Narawālī, Muhammad ibn Ahmad; Blackburn, Richard (2005). Viaggio alla Sublime Porta: le memorie arabe della missione diplomatica di un agente sharifiano presso la corte imperiale ottomana nell’era di Solimano il Magnifico; il testo pertinente da Quṭb al-Dīn al-Nahrawālīs al-Fawāʼid al-sanīyah fī al-riḥlah al-Madanīyah wa al-Rūmīyah. Istituto d’Oriente. pp.200, 201 e n.546. ISBN 978-3-899-13441-4.
  • Levin, Carole (2011). Donne eccezionali del Medioevo e del Rinascimento: un dizionario biografico. Westport, Connecticut [tra l’altro: Greenwood Press. ISBN 978-0-313-30659-4.
  • Selçuk Aksin Somel: Dizionario storico dell’Impero Ottomano, Oxford, 2003, ISBN 0-8108-4332-3, p. 123
  • Mansel, Filippo (1998). Costantinopoli: Città del desiderio del mondo, 1453-1924. New York: Grifone di San Martino. ISBN 978-0-312-18708-8. P. 86.
  • “Un messaggio al Sultano – Attività di esempio (curriculum Women in World History)”. www.womeninworldhistory.com. Archiviata dall’originale l’8 giugno 2007.
  • Bonnie G. Smith, ed. (2008). “Hurrem, Sultano”. The Oxford Encyclopedia of Women in World History. La stampa dell’università di Oxford. ISBN 9780195148909 . Estratto il 29 maggio 2017.
  • “Trama architettonica storica”. Ayasofya Hürrem Sultan Hamamı. Archiviata dall’originale il 20 novembre 2015 . Estratto il 19 novembre 2015.
  • Peri, Oded. Waqf e la politica del benessere ottomano, La povera cucina del sultano Hasseki nella Gerusalemme del diciottesimo secolo, pagina 169
  • Cantante, Amy. Servire la carità: la cucina pubblica ottomana, p.486
  • David Chataignier, “Roxelane sul palcoscenico tragico francese (1561-1681)” in Fortune and Fatality: Performing the Tragic in Early Modern France, ed. Desmond Hosford e Charles Wrightington (Newcastle upon Tyne: Cambridge Scholars Publishing, 2008), 95-117.
  • Thomas M. Prymak, “Roxolana: Wife of Suleiman the Magnificent”, Nashe zhyttia / Our Life, LII, 10 (New York, 1995), 15-20. Articolo con biografia in inglese.
  • Zygmunt Abrahamowicz, “Roksolana”, Polski słownik biograficzny, vo. XXXI (Breslavia ecc., 1988-89), 543-5. Articolo in polacco.
  • Galina Yermolenko, “Roxolana: The Greatest Empress of the East”, The Muslim World, 95, 2 (2005), 231-48. Tratto da fonti europee e soprattutto italiane.
  • PJ Parker “Roxelana e Suleyman”. Libro sull’enigmatico personaggio Roxelana.
  • Peirce, Leslie (1993). Imperatrice d’Oriente: come una schiava europea divenne regina dell’Impero Ottomano. Catasti di New York. ISBN 978-0-465-03251-8 ..
  • Peirce, Leslie P. The Imperial Harem: Women and Sovereignty in the Ottoman Empire (Oxford University Press, 1993)
  • Là ci sono molti romanzi storici in inglese su Roxelana: P.J.Roxelana e Suleyman di Parker [1] (2012; rivisto nel 2016); Valide (1986) di Barbara Chase Riboud; I segreti dell’harem di Alum Bati (2008); Colin Falconer, Aileen Crawley (1981–83) e Louis Gardel (2003); Pegno in incenso, il quarto libro delle Cronache di Lymond di Dorothy Dunnett; e l’autore di pulp fiction Robert E. Howard, in The Shadow of the Vulture, immaginava Roxelana come la sorella della sua focosa protagonista, Red Sonya.
  • David Chataignier, “Roxelane on the French Tragic Stage” (1561 – 1681) “in Fortune and Fatality: Performing the Tragic in Early Modern France, eds. Desmond Hosford e Charles Wrightington (Newcastle upon Tyne: Cambridge Scholars Publishing, 2008), 95-117.
  • Parker, PJ Roxelana e Suleyman (Raider Publishing International, 2011).
  • Thomas M. Prymak, “Roxolana: Wife of Suleiman the Magnificent”, Nashe zhyttia / Our Life, LII, 10 (New York, 1995), 15 – 20 Un articolo illustrato in stile popolare in inglese con una bibliografia.
  • Galina Yermolenko, “Roxolana: The Greatest Empresse of the East”, The Muslim World, 95, 2 (2005), 231- 48. Uses Fonti europee, soprattutto italiane, e conosce la letteratura ucraina e polacca.
  • Galina Yermolenko (ed. ), Roxolana in Letteratura, Storia e Cultura Europea (Farmham, UK: Ashgate, 2010). 318 pp. Illustrato. Contiene importanti articoli di Oleksander Halenko e altri, oltre a diverse traduzioni di opere su Roxelana da varie letterature europee e un’ampia bibliografia.
  • Per i romanzi in lingua ucraina, vedere Osyp Nazaruk (1930) (traduzione inglese disponibile), [2] Mykola Lazorsky (1965), Serhii Plachynda (1968) e Pavlo Zahrebelnyi (1980).
  • C’erano romanzi in altre lingue: in francese, una biografia romanzata di Willy Sparco (1972); in tedesco un romanzo di Johannes Tralow (1944, più ristampe); un lunghissimo romanzo in serbo-croato di Radovan Samardzic (1987); uno in turco di Ulku Cahit (2001).

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button