Come

Come si fa il colore rosso? – Momarte

Ecco una domanda che può avere molte risposte diverse: Come si crea il colore rosso?

Non è affatto una domanda banale come si potrebbe pensare, né è nemmeno una domanda che nessuno si farebbe mai.

Okuma: Come si fa il colore rosso

Infine, il solo fatto che tu stia leggendo questo articolo mostra che sapere come fare il rosso non è così ovvio come pensi – e sapere se è davvero possibile ottenerlo colore partendo da altre tonalità, con i colori ad olio, con i colori a tempera, ecc.

Il rosso è un colore molto utilizzato in pittura: è il colore dell’amore , la passione , la seduzione, la lussuria, il peccato del fuoco e dell’aggressione, oltre ovviamente al sangue, con tutto il simbolismo associato che questa connessione ha avuto nei secoli passati, a partire dal sangue di Cristo.

Il rosso è il colore perfetto quando si vuole attirare l’attenzione: è noto agli intenditori del marchio eting, che spesso lo consigliano per loghi aziendali, insegne di negozi, ecc.

Tuttavia, a volte potresti voler iniziare una nuova mano di vernice anche se non hai a disposizione il Tube Red. dovresti arrenderti Non c’è modo!

Molto probabilmente uno dei tuoi ricordi di studio è che il rosso è un colore primario e non può essere prodotto come tale. Ma è davvero così, non c’è via d’uscita? Forse no, o forse sì: scopriamo insieme com’è fatto il rosso!

  • Come fare il rosso con i colori primari
  • Colori primari e secondari: sintesi additiva e sintesi per sottrazione
  • Come fare il colore rosso

    li >

  • Quali colori consigliamo per fare un bel rosso
  • Molti diversi tipi di rosso
  • Vendita di colori ad olio

Come Il rosso fa con i colori primari

A scuola molto probabilmente ti è stato insegnato che ci sono tre colori primari che sono il rosso, il blu e il giallo, mescolando ottieni i colori secondari, ovvero l’arancione (miscela di giallo e rosso), verde (miscela di giallo e blu) e viola (miscela di rosso e blu).

Miscelando poi i colori primari in diverse parti, si ottiene il cosiddetto terziario colori.

Altrettanto probabile, con i tuoi colori a tempera, olio o acrilici, hai provato occasionalmente colori secondari e t erziari, a volte per divertimento, a volte per necessità.

Ayrıca bakınız: Spunta blu su Instagram: come fare per ottenerla? – Bitmetrica

Tuttavia, non hanno mai cercato di preservare i colori primari , o almeno non si sono mai chiesti – fino ad ora – come rendere il colore rosso. E questo perché a scuola ti è stato detto che puoi ottenere qualsiasi colore dai colori di base, ma anche che i colori di base non possono essere ottenuti in alcun modo.

Insomma, vanno comprati, non c’è altro modo. E lo è davvero. Ma questo non significa che non puoi diventare rosso mescolando altri colori.

Colori primari e secondari: sintesi additiva e sintesi sottrattiva

In realtà devi sapere che il rosso non è in realtà un colore primario. O meglio, il rosso è un colore primario – insieme al verde e al blu – in sintesi additiva, che si riferisce ai colori primari prodotti dalla luce.

Questi tre colori primari sono sommati insieme danno il bianco (più precisamente danno luce bianca)

Tuttavia, non esiste solo la sintesi additiva. Esiste infatti anche il sottrattivo che tiene conto dei colori che caratterizzano il materiale. In questo caso la somma dei tre colori non è più il bianco, ma al contrario il nero.

In sintesi sottrattiva, i tre colori primari sono ciano, magenta e giallo. Da questo punto di vista, quindi, il rosso non è più un colore primario: la conseguenza diretta è che si può ottenere infatti mescolando altri colori.

Confermando e traducendo quanto detto in una pratica pagina , poiché ricordiamo le vecchie versioni del centro cromatico e date le basi della colorimetria, si è capito che tra i colori primari non c’è il rosso, ma il magenta, cioè – per chi non è asso nel riconoscimento del colore e quindi ognuno deve leggere il nome sul tubo – tipo di fucsia.

Come ho detto, la domanda “Come ti tingi di rosso?” non è così scontato come qualcuno avrebbe potuto pensare: ormai sai che dicendo addio al vecchio cerchio dei colori è infatti possibile creare il rosso da altri colori. Come?

Come rendere il colore rosso con il magenta

In realtà, dovresti già aver capito che per rendere il colore rosso devi usare il magenta .Sì, perché è il colore primario di base per l’intera gamma di rossi.

Quindi supponiamo che nella scatola con i tubi dei tuoi colori ad olio ci siano solo i tre colori primari, ovvero giallo, magenta e ciano (più i tubi essenziali bianco e nero).

Come dovresti fare per ottenere un bel rosso? Bene, tutto ciò che dovresti fare è prendere il tubo magenta, versarne un po’ sulla tavolozza e aggiungere un tocco di giallo e poi chiudere il tutto con il pennello Mix. .

Ayrıca bakınız: Come tagliarsi i capelli da sola? 5 metodi efficaci

Il risultato sarà senza dubbio un colore rosso: con una dose maggiore di giallo, invece, otterrete un colore arancione. Per ottenere un rosso brillante da avvicinare al corallo dovresti aggiungere del bianco, mentre per un rosso più scuro hai assolutamente bisogno del nero. Tuttavia, se aggiungi sia il bianco che il nero, ottieni un rosso opaco.

Quali colori ti consigliamo per fare un bel rosso

Se sei arrivato fin qui, ce l’hai finalmente ho capito come fare il rosso con il magenta. Quindi probabilmente prenderai le vernici che hai a casa e proverai a vedere se riesci a ottenere lo stesso risultato.

Se hai vernici di qualità, non sarà difficile ottenere un bel rosso, proprio come lo immaginavi. Ma cosa succede se il risultato non soddisfa le tue aspettative? Beh, forse stai usando vernici di bassa qualità che non si mescolano correttamente, motivo per cui il risultato è un po’ deludente.

Nel caso volessi entrare più nel dettaglio, ti spiego brevemente quali marche di colore ti consigliamo se vuoi ottenere un bel rosso.

Rendi rosso con gli acrilici

Gli acrilici sono il tipo di pittura preferito dalla maggior parte degli artisti moderni. Sono immediati e facili da usare, per questo sono consigliati come prodotto per muovere i primi passi nel mondo della pittura.

Tra i tanti marchi disponibili e supponendo che tu sia un principiante, ti consigliamo di dare un’occhiata alle vernici acriliche Liquitex Basics o alle vernici acriliche fine LeFranc Bourgeois.

Se sei più esperto e vuoi un confronto tra i marchi più famosi e quelli usati dagli artisti, ti consiglio di dare un’occhiata all’articolo sui migliori colori acrilici per dipingere.

Rendi rosso con la tempera

Le tempere sono molto simili alle pitture acriliche. Grazie alla loro facilità d’uso e immediatezza, sono un prodotto perfetto per iniziare a dipingere. Ovviamente ci riferiamo alle moderne tempere usate a scuola, dette anche gouache.

Alcuni dei migliori marchi che ho avuto la possibilità di provare sono Extrafine Gouache Talens Tempera e Gouache Maimeri Tempera.

Rendi rosso con l’acquerello

L’acquerello è davvero magico, lo abbiamo ripetuto tante volte. Acqua e pigmento che si uniscono in un abbraccio unico e inscindibile. Con gli acquerelli bisogna stare molto attenti, non è permesso sbagliare… quando il colore si posa sulla carta è davvero complicato (se non impossibile) tornare indietro!

Per questo motivo, devi usare solo le migliori vernici, quelle con i migliori pigmenti. Come Horadam Schmincke o la pittura ad acquerello professionale WinsorIl rosso cadmio, di origine prettamente inorganica, è noto a tutti come un rosso particolarmente brillante e opaco. Il famosissimo vermiglio, derivato da Kermes Vermilio, è a metà strada tra il viola e l’arancione. E ancora vermiglio, scarlatto, terracotta, rosso tiziano, bordeaux, granato, rosso valentino, rosso Ferrari, rosso persiano, ruggine, amaranto, rosso veneziano, rosso pompeiano… sì, è facile dire rosso, non trovate? ! ?

Ayrıca bakınız: Diploma da privatista: scopri come conseguire il titolo

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button