Come

Decreto ingiuntivo senza avvocato: come fare? – Fiscomania

L’ingiunzione preliminare è una disposizione attraverso la quale il creditore ottiene il titolo esecutivo per avviare un procedimento successivo, cioè l’esecuzione, mediante pignoramento.

La La disposizione preliminare è uno strumento attraverso il quale il creditore può riscuotere gli importi a lui dovuti. Tale atto conferisce al richiedente un titolo esecutivo in tempi brevi per aggredire i beni del debitore. Tuttavia, proprio per la natura sommaria del procedimento, questo istituto può essere consultato solo in casi individuali. Si tratta di un atto emesso dall’autorità giudiziaria con la quale, su richiesta della parte creditore, obbliga il debitore a notificare entro 40 giorni dalla notifica del presente provvedimento. Nel caso di specie si fa riferimento anche al diritto di opposizione, pena l’esecuzione.

Okuma: Come fare un decreto ingiuntivo senza avvocato

L’ingiunzione sarà emessa in assenza di eccezione forte> > tra le parti secondo una clausola contenuta negli artt. regolata fase processuale 633 e SS.c.p.c.. Si presenta solitamente con la partecipazione di un legale rappresentante. Tuttavia, in questo articolo vogliamo darti alcune informazioni in modo che tu possa procedere in totale autonomia. Innanzi tutto vi ricordiamo che questa operazione può essere effettuata solo se il saldo non supera i 1.100 euro, previa richiesta al magistrato di pace competente. Pertanto, è necessario prestare attenzione a questo quando si determina il giudice responsabile. Inoltre, è necessario fornire informazioni accurate nell’ordine, come previsto dalla legge.

Recupero crediti in tribunale: alcuni altri termini

Il recupero dei crediti non pagati attraverso l’azione giudiziaria viene effettuato sulla base della documentazione in tuo possesso su la natura e l’importo saggio del credito da riscuotere. È proprio questa considerazione che dovete tenere a mente in tutte le fasi precedenti la causa e stare attenti a conservare il materiale che vi sarà utile.

Tuttavia, questa causa, a differenza delle cause extragiudiziali, richiederà molto più tempo e più costosa. L’azione giudiziaria contro il/i debitore/i inizia con atti giudiziari, che si svolgono nel seguente ordine:

  • In primo luogo, il sollecito di esecuzione è notificato al debitore con un termine entro il quale ha ordinato di pagare i prestiti in essere.
  • Se il debitore continua a non pagare dopo tale notifica, gli sarà notificata una ingiunzione seguita da istruzione.
  • Se tali misure non sono sufficienti e il debitore continua ad essere inadempiente, sarà avviata la preclusione dei beni nei suoi confronti o nei confronti di terzi fino alla denuncia di fallimento
  • strong> . li>

Che cos’è un ordine restrittivo?

L’ingiunzione preliminare è una disposizione con la quale il creditore ottiene il titolo esecutivo per l’espletamento del procedimento successivo, ovvero l’esecuzione, mediante allegato.

Trattasi di atto emesso dall’Autorità Giudiziaria con il quale si ordina al debitore, su richiesta della parte creditrice, di prestare servizio entro 40 giorni dalla notifica del presente provvedimento. Nel presente è indicato anche il diritto di opposizione, altrimenti si procederà con la transazione.

Ayrıca bakınız: Anticalcare naturale fai da te per lavatrice: la ricetta facile

Sarà emessa se non vi è opposizione tra le parti una fase processuale disciplinata dagli artt. 633 e SS. c.p.c.. In caso di opposizione su iniziativa del debitore danneggiato, che in questa fase è rinviato alla parte creditore, l’apertura della procedura ordinaria di primo laurea segue con piena conoscenza. Lì si procede alla verifica del credito nei confronti del debitore.

L’ingiunzione deve soddisfare alcuni requisiti specificati nell’articolo 633 del codice di procedura civile: p >

  • il provvedimento ingiuntivo è disponibile solo per garantire diritti di credito
  • il diritto di credito deve avere un oggetto specifico , ovvero un importo di denaro, un determinato importo fungibile o la consegna di un determinato bene mobile;
  • se il credito è costituito da una somma di denaro, deve avere la liquidità richiesta.

Titolarità del credito

Il diritto al credito va inteso in senso lato come un diritto alla prestazione altrui. Il tuo articolo può essere un denaro contante e una somma di denaro da collezione (questo è il caso più comune).Inoltre, in casi più rari, può trattarsi anche di un importo specifico di bene fungibile o della consegna di un bene mobile specifico (articolo 633, paragrafo 1, cpc). Non è possibile acquistare crediti diversi da quelli indicati, pertanto esclude:

  • crediti da fare e da non fare,
  • i Prestiti per il rilascio di beni immobili,
  • prestiti per un importo non specificato di denaro o beni fungibili.

Prova del credito

Se il creditore desidera ottenere l’emissione di un decreto ingiuntivo, deve fornire prova scritta del credito fatto valere (art. 633 c. 1 n. 1 c.p.c.). La legge cita espressamente alcuni documenti:

  • polizze (assicurazioni, fideiussioni, pegno),
  • promesse unilaterali (promesse di pagamento, riconoscimento del debito, promesse pubbliche, carte di credito quali assegni e cambiali,
  • lettere private,
  • telegrammi (anche se i requisiti richiesti dal codice civile mancano),
  • estratti certificati dei documenti contabili, per prestiti per la gestione di beni, denaro e servizi di imprenditori commerciali. Ricordiamo che la fattura ne attesta solo l’origine delle dichiarazioni del creatore e non la veridicità della lettera di credito; pertanto, essa perde valore probatorio nell’ambito dell’eccezione al decreto ingiuntivo, in quanto formata dallo stesso soggetto che ne fa uso.

Ingiunzione emessa senza avvocato: quando funziona?

Diversa da quanto comunemente noto kt, è la ingiunzione provvisoria, ovvero l’ingiunzione di pagamento al debitore insolvente sulla base di prove scritte, può essere richiesta anche senza un avvocato

Tuttavia , devono essere soddisfatti i prerequisiti. Per poter presentare la domanda davanti al magistrato senza un difensore, è necessario prima verificare che il credito per il quale ci si candida non possa superare 1.100 euro comprensivo di spese e interessi.

Pertanto, l’importo del credito da riscuotere, comprensivo di spese, interessi e tasse, non deve superare 1.100 euro. Potrebbe trattarsi, ad esempio, di un piccolo prestito ad un amico che non è mai stato rimborsato, un pagamento per un articolo acquistato online e mai ricevuto, un acconto a un rivenditore per un ordine mai evaso (es. acquisto di un’auto nuova e data di consegna non rispettata), mancato pagamento di una tariffa concordata con una rateizzazione tra aziende, fattura, ecc.

A condizione che il limite di 1.100 Poco importa se il debitore è un privato o una società o una p.a >.

Ayrıca bakınız: Migliori bicchieri da Whisky: quale acquistare? – Il Migliore di Tutti

Tuttavia, è richiesto che il credito sia:

  • sicuro cioè H. sulla base di prove scritte;
  • liquide (cioè in denaro);
  • dovuto (cioè incondizionato).

Come identificare il magistrato

L Se intendi eseguire l’ingiunzione in autonomia e senza il coinvolgimento del legale rappresentante, devi prima individuare il giudice competente. In generale, il criterio principale da considerare nella determinazione della giurisdizione è la giurisdizione per giurisdizione.

Per procedere in tal senso è quindi necessario attenersi alle seguenti disposizioni in materia:

  • generalmente competente è il magistrato del luogo di residenza di il debitore ;
  • se il credito deriva da un contratto, è possibile rivolgersi al giudice del luogo in cui il contratto è stato firmato o concluso , o a quello del luogo in cui deve essere effettuato il pagamento (luogo di pagamento, se non specificato nel contratto, è il luogo di residenza del creditore).

Domanda di ingiunzione

L’ingiunzione deve contenere determinati requisiti affinché sia ​​valida. In particolare deve contenere alcuni requisiti:

  • Dati del creditore
  • Dati del debitore ;
  • importo esatto del credito, comprensivo di spese (analiticamente dettagliate) e interessi;
  • Motivo del credito (es. numero di fattura, dettagli del contratto, ecc.);
  • Presentazione e allegazione di prove scritte: infatti, un’ingiunzione può essere concessa solo se il prestito è sicuro, il suo importo esatto, liquido e non soggetto a condizioni che ne sospendono temporaneamente la collezionismo;
  • la richiesta al giudice di emettere l’ingiunzione.

La domanda di decreto ingiuntivo può essere presentata anche online. Infatti, è disponibile attraverso il sistema [email protected], che consente di:

  • Ricevere informazioni sullo stato della pratica;
  • Crea un ricorso online contro sanzioni amministrative o un’ingiunzione.

Al termine della procedura online, il ricorrente deve presentare il ricorso e Stampa le note di registrazione (che sono generate dal sistema). Questi devono essere presentati di persona all’ufficio del Giudice di Pace competente per la zona.

Tutti gli avvisi e gli aggiornamenti verranno inviati direttamente al tuo indirizzo email.

Ayrıca bakınız: Come installare manualmente i driver delle schede di rete Intel®

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button