Come

Trasferire un anziano in casa di riposo: come farlo al meglio? – Life s.r.l

Chi si prende cura di una persona anziana non più autosufficiente sa cosa vuol dire prendere la decisione di trasferirsi in una casa di riposo. In alcuni casi, tuttavia, è la scelta migliore per garantire alla persona amata le migliori cure e il benessere di tutta la famiglia.

Il trasferimento in una casa di riposo è solitamente l’ultima risorsa, un’opzione che normalmente non viene preso in considerazione. Ci sono due ragioni. Nel primo caso, non tutti possono permettersi un contributo mensile, che può essere considerevole, soprattutto se la pensione non è sufficiente e i parenti devono contribuire economicamente. In secondo luogo, i membri della famiglia si sentono in colpa, come se avessero fatto un torto al membro della famiglia abbandonandolo, tradendo la loro fiducia e non mostrandogli apprezzamento. Diventa ancora più complicato quando l’anziano non vuole muoversi e resiste alla scelta.

Okuma: Come ricoverare un anziano in casa di riposo

La tua casa non è solo un luogo in cui vivere, gioca un ruolo fondamentale nella costruzione e nel mantenimento dell’identità. Essere attaccati a una casa di cura contribuisce a una serie di bisogni psicologici, come avere il controllo e l’uso esclusivo di uno spazio, mantenere la privacy e l’identità.

Quando trascorri la maggior parte della tua vita in un posto, se questo in tal caso, diventa un luogo sicuro dove preservare a lungo la propria autonomia e sviluppare un patologico sentimento di attaccamento. Secondo alcuni studi, quando gli individui istituzionalizzati, in particolare quelli con diagnosi di demenza, vengono privati ​​degli stimoli, come avviene in alcune strutture dove gli individui sono parcheggiati in salone senza svolgere alcuna attività, subiscono un declino cognitivo quasi immediato.

I rischi di trasferirsi in una casa di cura, riconoscerli ed evitarli

Il trasferimento di una persona anziana in una casa di cura può inevitabilmente comportare una serie di rischi che spesso vengono ignorati dai familiari. Tra questi ci sono:

Ayrıca bakınız: Come fare un controsoffitto in cartongesso?

– Convivenza e socializzazione forzata con gli altri ospiti della struttura;

– Mancanza di controllo sulla propria vita e difficoltà ad adattarsi alla routine;

– minacce alla loro privacy, con mancanza di privacy;

– Rottura nei rapporti con i propri cari.

Essendo consapevoli di questi rischi, i membri della famiglia possono adottare una serie di precauzioni e strategie per migliorare e facilitare l’adattamento al nuovo ambiente.

La prima cosa da fare quando si decide di trasferire una persona anziana in una casa di cura è informarla della situazione. Portarli direttamente in cantiere e farli toccare con mano lo stile di vita della struttura, magari conoscendo anche gli operatori o gli operatori che vi lavorano, può essere un metodo per ridurre lo stress da entrambe le parti.

Ayrıca bakınız: 7 idee per festeggiare un addio al celibato in grande stile

Parlare con lui è importante per informare l’anziano che dal passaggio ci sarà inizialmente un periodo di stress, ma questo passerà con l’aiuto dei familiari a sua disposizione.

I membri della famiglia possono scegliere con attenzione quale struttura invece. Oltre a garantire un supporto adeguato, è importante sapere se il soggetto può portare oggetti personali, se può prendere decisioni in autonomia in alcune fasi della routine, o se può personalizzare lo spazio. Inoltre, preferire residenze per anziani geograficamente vicine a dove si vive garantisce un senso di sicurezza.

Come verificare se il trasferimento sta andando bene?

La psicologia dell’invecchiamento ha in Gli studi hanno individuato alcuni livelli di accordo che possono essere indicatori di un bene

Il primo è la soddisfazione abitativa, che incide sugli aspetti fisici e sociali dell’ambiente in cui si trova la persona. Avere la propria stanza o stanze semi-private di solito aiuta ad accettare il trasferimento. Gli aspetti sociali comprendono le relazioni con gli altri ospiti, le interazioni con i dipendenti e la partecipazione a tutte le decisioni che riguardano la propria salute.

Il secondo è il senso di autonomia. È importante avere ancora la capacità di controllare se stessi o l’ambiente che li circonda. Poter partecipare con i familiari alla decisione di trasferirsi in una casa di riposo è sicuramente una buona cosa. Alcune persone hanno bisogno di sentirsi di nuovo utili. Per questo, poter svolgere dei piccoli lavori in una casa di riposo o aiutare i lavoratori meno autonomi può essere di enorme aiuto. Così facendo, la persona interessata si sente apprezzata e sa di avere un compito che occupa la sua giornata.

Oltre a questi indicatori, i parenti devono monitorare l’andamento del trasferimento informando sia la persona interessata che il chiedi anche un parere agli operatori.È importante che non ci sia un abbandono totale, ma che la famiglia rimanga comunque autorizzata, visitando la persona amata o chiamandola quando ciò non è possibile. Può sembrare una piccola cosa, ma una telefonata farà sicuramente la giornata di chi la riceve.

Ayrıca bakınız: Cani che litigano: come gestirli e farli riconciliare?

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button