Come

Vademecum per aiutare una donna che subisce violenza – Casa delle donne per non subire violenza Bologna

donne-5 Sospettosa o consapevole di essere donna sappiamo che essere vittima di violenze e/o stalking da parte di un uomo con il quale ha o ha avuto una relazione emotiva e intima spesso innesca in noi sentimenti contrastanti.

Non sappiamo come agire e ci chiediamo se sia giusto intervenire, soprattutto quando conosciamo sia la donna che subisce la violenza sia l’uomo che la perpetra. Spesso, il sospetto o la certezza di essere stati maltrattati da una donna che conosciamo può farci provare rabbia o incredulità: potremmo non credere a ciò che ci viene detto, o pensare che la donna abbia almeno fatto qualcosa di utile in parte responsabile delle violenze subite. Potremmo essere frustrati dal fatto che tu stia lottando per capire l’aiuto che ti stiamo offrendo.

Okuma: Come aiutare una persona vittima di violenza psicologica

Affrontare la violenza nelle relazioni intime implica mettere in gioco i nostri sentimenti e pensieri , affrontare i nostri pregiudizi e prendere posizione : cioè prendere la dalla parte delle donne che subiscono la violenza, non di quelle che la praticano.

Come faccio a capire quando una donna viene maltrattata?

Ayrıca bakınız: Come vedere chi è online su Instagram e lo stato di attività

Esistono indicatori (psicologici, comportamentali, fisici) che possono aiutarci a capire se una donna sta subendo violenza:

  • psicologico : ansia, ansia, stress, attacchi di panico, depressione, perdita di autostima, agitazione, senso di colpa;
  • Comportamento: essere in ritardo o assente dal lavoro, agitarsi per essere lontano da casa, storie incongrue di lividi o ferite, chiusura o isolamento sociale;
  • fisico: lividi, ustioni, hanno visto ossa rotte, danni permanenti, aborti spontanei, disturbi alimentari.

C’è solo un modo per essere sicuri: chiedere direttamente.

È importante che la domanda sia posta in un contesto di calma e serenità. È importante che la donna si senta a proprio agio e al sicuro in modo che possa parlare.

Le donne sono riluttanti a parlare per vergogna e per paura che il loro partner lo scopra per paura di non essere credute, pensando che sia colpa loro. È molto importante ascoltare, offrire il tuo supporto con un atteggiamento non giudicante e non costringerti a prendere decisioni.

Come posso aiutarti?

Ayrıca bakınız: Come capire che taglia raggiungerà il vostro cane – I Miei Animali

Scopri le dinamiche della violenza di genere contro le donne, non rischiare la consulenza, ma documenta il problema e chiama un punto di contatto. Si tratta di situazioni complesse e spesso pericolose.

Non pensare a trovare soluzioni rapide, definitive e facili. Se c’è un pericolo reale, non metterti in pericolo, ma chiama la polizia.

Quale atteggiamento mantenere?

  • Assicurati di avere tutto il tempo per ascoltare la sua storia.
  • Assicurati che credi a quello che ti sta dicendo.
  • Non sorprenderti che la storia possa evocare sentimenti molto diversi nei confronti del tuo partner. lei: amore e paura, apprezzamento e odio, volontà di porre fine alla relazione e speranza di riconciliazione.
  • Dille che la violenza non ha giustificazioni, è responsabilità di chi la commette.
  • Fai domande per scoprire quanto dura la violenza , se è aumentata nel tempo e in gravità , se c’è sono armi in casa. Avrai bisogno di loro per capire il pericolo della situazione e l’urgenza di una soluzione. Non sottovalutare le sue paure. Non farle domande come “perché non te ne sei andato prima / perché non lo lasci?”. Si sentirà giudicata e incompresa nella complessità della situazione in cui si trova.
  • Evita giudizi e consigli su cosa fare . Ti dirà di cosa ha bisogno lei stessa. Non prendere alcuna iniziativa senza consultare la donna stessa.
  • L’abuso è spesso associato a forte isolamento e isolamento dal mondo esterno. La vostra vicinanza e solidarietà sono molto importanti.
  • Una delle minacce più comuni usate dall’autore per ricattare la vittima della sua violenza è dirle che in caso di separazione o denuncia perderà i suoi figli. Aiutala a capire che non è una madre “cattiva” quando sta cercando di proteggere i suoi figli e che la violenza a cui sono testimoni può essere destabilizzante per loro.
  • Supporta le loro decisioni e sposta il loro potere. Ci sono sempre dei rischi in ogni decisione presa da una donna maltrattata, ed è stata molto coraggiosa nell’aprirsi e nel parlartene. Rassicurala che non dirai al suo partner a cosa ti ha esposto, poiché ciò potrebbe metterla a rischio aggiuntivo. La fase di separazione può essere molto pericolosa se abusata.
  • Datele il numero di telefono dell’agenzia antiviolenza più vicina.Assicuratele che sarà ascoltata lì, troverà informazioni utili, non sarà costretta a prendere decisioni e sarà assicurata la riservatezza.

In caso di chiamata di emergenza:  tele -violence - copy

  • Helpline sulla violenza, multilingue e attiva 24 ore su 24 in tutta Italia: 1522, chiamata gratuita.
  • Carabinieri: 112
  • Polizia: 113
  • Numero emergenza sanitaria: 118
  • Casa delle donne per la prevenzione della violenza, Bologna: 051-333173

Link utili:

violenza sulle donne. Fatti aiutare, dai aiuto. Casa delle donne maltrattate, Milano.

Ayrıca bakınız: Non vediamo le cose per come sono ma per come siamo

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Check Also
Close
Back to top button